barelle La Procura di Palermo ha chiesto la condanna, complessivamente, a quasi 150 anni di carcere per 16 fra titolari di tre cliniche private palermitane e medici per una truffa da 1,2 milioni di euro al Servizio sanitario. L’inchiesta è stata coordinata dal pm Amelia Luise. Secondo gli inquirenti, le cure per i malati oncologici, tra il 2007 e il 2009, sarebbero state pagate due volte, dall’Ausl 6, alle cliniche private «La Maddalena», «Latteri» e «Noto Pasqualino».
Il servizio sanitario infatti avrebbe rimborsato prima i ricoveri (che avrebbero dovuto includere gli esami specialistici) e successivamente gli accertamenti diagnostici effettuati in strutture collegate alle cliniche.

Tra gli imputati ci sono anche due medici – che ufficialmente lavoravano in due ospedali pubblici, il Policlinico e Villa Sofia, percependo per questa ragione un’indennità aggiuntiva – che dirottavano pazienti alla Latteri e alla Noto, sostenendo che nelle strutture pubbliche non c’erano posti.

In cambio i sanitari avrebbero ottenuto percentuali sui guadagni delle cliniche. Per Guido Filosto, legale rappresentante della casa di cura La Maddalena Spa, Leone Filosto, Mauro Bellassai, della stessa casa di cura, il pm ha chiesto 12 anni di carcere. Per Maria Teresa Latteri, della omonima casa di cura, 15 anni. Quattordici anni sono stati chiesti per Giuseppe Di Lisi, 4 anni e 6 mesi per Vincenzo Scaletta, 12 per Maria Rosaria Valerio. Per Giovanni Gagliardo Di Carpinello, legale rappresentante della clinica Noto Pasqualino, il pm ha chiesto 12 anni di carcere. Quattordici anni sono stati invocati per Giovanni Sparacia, 12 per Giuseppe Antonio Iannello, 9 per Rossana Novelli, 9 per Salvatore Pastore e 3 ciascuno per Gioacchino Taormina, Maria Ciriminna, Ignazio Galizia e Giuseppe Ducato.

Nei confronti di Luigi Cassata è stato chiesto il non doversi procedere per la prescrizione del reato. Imputate nel processo le tre cliniche – La Maddalena e Noto e la clinica Latteri – per le quali il pm ha chiesto condanne a pene pecuniarie e il divieto di contrattare con la pubblica amministrazione.

“Manifesto stupore sia per le richieste di condanna, poiché dall’istruttoria dibattimentale è emersa, a mio avviso, l’assoluta insussistenza dei fatti contestati ai miei assistiti, sia per l’abnorme richiesta di pene”. A dichiararlo è l’avvocato Giovanni Di Benedetto, legale della casa di cura “La Maddalena” di Palermo, coinvolta, insieme ad altre strutture sanitarie della città, nell’inchiesta sulla presunta truffa al Servizio sanitario nazionale. Gli imputati al processo, assistiti dall’avvocato Di Benedetto, sono: il presidente de “La Maddalena”, Guido Filosto, l’amministratore delegato Leone Filosto e il direttore sanitario Mauro Bellassai.
fonte
www.palermogds.it

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione