Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di un’infermiera agrigentina che ha dovuto lasciare la Sicilia per entrare nella sanità pubblica come vincitore di concorso.

Nonostante abbia partecipato alla mobilità per ritornare a casa si vede scavalcata da colleghi stabilizzati che non hanno mai vinto un concorso pubblico.
Ecco la lettrera:

Capita spesso di leggere articoli in cui si denuncia la “carenza di infermieri in Sicilia”; quanto in realtà io credo che il titolo di questi articoli dovrebbe essere piuttosto: “allarme incapacità di assumere personale infermieristico in Sicilia”.

Sono infatti tanti gli infermieri che, come me, una volta laureati, hanno fatto concorsi per essere assunti nella Sanità Pubblica.

Come è noto, però, i concorsi per infermieri in Sicilia sono più unici che rari, dunque io, come molti altri colleghi, ho dovuto fare la valigia e lasciare la mia amata isoletta per andare a lavorare al Nord.

Quel Nord che ci da la possibilità di crescere professionalmente, ma che noi siciliani siamo pronti ad abbandonare una volta formati, pur di tornare a vivere vicino ai nostri cari.

In tanti abbiamo aspettato la mobilità di bacino occidentale e orientale del 2019, vedendola come l’opportunità di tornare a casa.

Bene, ad oggi, anno 2022, tutto è ancora in corso d’opera!

Entrando nel mio caso specifico, sono un’infermiera originaria di Agrigento, che ha partecipato al bando di mobilità sopracitato. I posti banditi per l’ASP di Agrigento erano 7, un numero irrisorio, vista la carenza di personale e considerato il fatto che essa è divisa in 5 distretti ospedalieri (Licata, Canicattì,Ribera, Sciacca ed Agrigento).

Io sono nella graduatoria in sovrannumero, composta da 66 infermieri, una graduatoria che non scorrerà mai, in quanto ad Agrigento, da sempre si sopperisce alla mancanza di personale facendo i famosi avvisi pubblici a cui partecipano quegli infermieri che sperano di essere stabilizzati.

Sì, perché alla fine, politicamente funziona così: “se ti comporti bene avrai i premio finale!”; come dimostratosi con la delibera n. 563 del 25 marzo 2022, dove viene precisato che i posti vacanti allo 01/01/2021 sono n. 482, di cui n. 283 destinati alla stabilizzazione dei precari e n. 199 destinati ai candidati esterni.

Adesso, mi chiedo: perché non dare la possibilità a 66 infermieri che sono in graduatoria di mobilità, di poter tornare nelle loro città? E’ così difficile assumere del personale con esperienza, in una fase storica senza eguali di carenza di personale?

Quando si ha già una graduatoria dalla quale poter attingere?

Nel ringraziare per l’attenzione e speranzosa di ottenere una Vostra gentile risposta alle mie domande, porgo cordiali saluti.

Amato Angelo

The following two tabs change content below.
Infermiere dal 1991, diploma di educatore dell'infanzia. Esperienza lavorativa : terapia intensiva post operatoria del civico di Modena. Neurorianimazione, villa Sofia di Palermo. Rianimazione e pronto soccorso ospedale Vittorio Emanuele di Gela Rianimazione è pronto soccorso ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento. Servizio 118 presso CH. 4 San Cataldo ( CL). Vari corsi formativi soprattutto sulle emergenze Intra e extraospedale. ACLS- BLSD - POLITRAUMA- VALUTARE INFERMIERISTICA IN PZ CRITICO- RETE IMA REGIONALE. RESPONSABILE FORMAZIONE PROVINCIALE ASP AGRIGENTO COME DIRIGENTE SINDACALE CISL FP MEMBRO DIRETTIVO REGIONALE CNPS CISL FP DOCENTE SCUOLA FORMAZIONE ERAP ISTRUTTORE BLS D

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Facciamo chiarezza:l'infermiere non è il responsabile delle attività svolte dell'operatore socio sanitario.

            L'infermiere non è il responsabile delle attività svolte dell'operatore socio sanitario in quanto anche su quest'ultimo grava la posizione di ...

Continua a leggere

Uil Messina: non competono all'infermiere le mansioni igienico domestiche alberghiere e l'ospedale Pappardo soccombe in tribunale.

            Ennesima vittoria per demansionamento dopo anni di sfruttamento da parte delle aziende sanitarie Italiane.Ribellarsi allo sfruttamento per la tutela e ...

Continua a leggere

Lettera aperta di un’infemiera in attesa della mobilità.

Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di un’infermiera agrigentina che ha dovuto lasciare la Sicilia per entrare nella sanità pubblica come ...

Continua a leggere

Covid, nuova variante Xe 10% più contagiosa di Omicron 2

Covid, nuova variante Xe 10% più contagiosa di Omicron 2

Covid, nuova variante Xe 10% più contagiosa di Omicron 2 Una nuova variante del Covid-19 chiamata "Xe", frutto della ricombinazione tra ...

Continua a leggere

Ambulanza contro auto sulla S.s 626 Caltanissetta-Gela, 3 morti

  Tre le vittime nello scontro tra un’auto e un’ambulanza sulla Ss626 Caltanissetta-Gela. Oltre al conducente del mezzo di soccorso e al ...

Continua a leggere

INFERMIERI, MEDICI E OPERATORI SANITARI MORTI PER COVID-19 RICONOSCIUTI VITTIME DEL DOVERE.

INFERMIERI, MEDICI E OPERATORI SANITARI MORTI PER COVID-19 RICONOSCIUTI VITTIME DEL DOVERE.

          Collocamento obbligatorio per le vittime del covid-19 e loro familiari Estese le norme del collocamento in favore delle vittime del terrorismo ...

Continua a leggere

Morire di lavoro | Il Caffè di Massimo Gramellini

              Sono stanca morta, scriveva al fidanzato l’infermiera appena smontata dal secondo turno di notte consecutivo (dieci ore e dieci pazienti ...

Continua a leggere

No ai ristori per le famiglie dei medici e del personale sanitario morti di Covid: CIMO-FESMED lancia una petizione online e scrive a Mattarella.

“Delle sole parole non sappiamo più cosa farne”, dice Guido Quici, presidente del sindacato medico. Medici e personale sanitario deceduti per ...

Continua a leggere

Ospedale Cannizzaro:al via l’iter per nuove assunzioni. Approvata la dotazione organica.

            L'annuncio arriva direttamente dal direttore Generale Salvatore Giuffrida e il Via libera della Regione. Si prevedono assunzioni per operatori socio-sanitari ...

Continua a leggere

“Il demansionamento mortifica l’infermiere e crea un danno alla dignità professionale irreparabile”.Lo afferma ancora una volta la Suprema Corte di Cassazione sesta sezione civile (sentenza n. 00359-22)

Il demansionamento mortifica l’infermiere e crea un danno alla dignità professionale irreparabile.Lo afferma ancora una volta la Suprema Corte di Cassazione sesta sezione civile (sentenza n. 00359-22)

          Dopo qualche anno è arrivata l' ennesima sentenza della Corte Suprema di Cassazione, sesta sezione civile (sentenza n. 00359-22) in ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione