Una coltellata dietro l’altra! E la professione infermieristica è passata, in poco più di 2 mesi, da “professionisti eroi-indispensabili” a meri esecutori di mansioni igienico domestiche alberghiere, che possono essere svolte da una qualsiasi persona non necessariamente laureata in infermieristica [LEGGI].

Dopo circa 3 mesi di lotte contro il Covid-19 e riconoscimenti a voce, ecco cosa abbiamo ricevuto:

– nessun riconoscimento economico agguntivo;

– nessun bonus una tantum governativo;

– nessuna apertura per un contratto separato per le Professioni Sanitarie (Infermieri, Ostetriche, TSRM e altre Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e Prevenzione);

– nessun riconoscimento professionale all’interno della Aziende Sanitarie.

Anzi, se vogliamo guardare la realtà di tutti i giorni, si continuano a sfruttare le Professioni Sanitarie, soprattutto gli Infermieri, demansionandoli (“deprofessionalizzando” secondo la FNOPI) ovvero obbligati, più o meno con metodi coercitivi/psicologici (quella dell’infemiere è una missione divina), a svolgere mansioni inferiori spettanti alle figure di supporto e con orari massacranti in violazione del D.Lgs. 66/2003.

Per non dimenticare la cronica carenza di personale con l’ovvio aumento del rischio clinico, ma anche un rischio dal punto di vista penale, civile e amministrativo.

Adesso, come ciliegina sulla torta, è arrivato il Decreto Ministeriale n. 82/2020 del MIUR [LEGGI] con il quale si riducono le cattedre per il Corso di Laurea Infermieristica, da 5 a 3 e per quella a tempo indeterminato da 3 ad 1, con l’indignazione di tutto il mondo infermieristico, soprattutto dall’attuale docenza e dirigenza infermieristica.

Perché ci dovremmo meravigliare di questa decisione, se veniamo continuamente trattati come sguatteri tutto fare della sanità Italiana e dagli stessi dirigenti infermieristici?

Questo purtroppo avviene anche grazie alla complicità e ignoranza dell’ Università, che attraverso i Corsi di Laurea Infermieristica, i Docenti Infermieri insegnano agli infermieri come svolgere le mansioni prettamente alberghiere e di competenza delle figure di supporto (OSS). Si veda l’insegnamento su come fare un bagno al letto del paziente, come svuotare un pappagallo, o come tagliare la barba e fare uno shampoo.

Quindi se all’interno delle Aziende Sanitarie e Università, l’infermiere fino ad oggi viene visto come un SuperOSS, invece di un Professionista Laureato, spesso con competenze avanzate che per convenienza vengono riconosciute con una pacca sulla spalla, la colpa non può essere solo dei vertici della Dirigenza Aziendale, ma anche e soprattutto della Dirigenza Infermieristica e della complicità indiretta della FNOPI (molti consiglieri sono anche dirigenti delle Professioni sanitarie) che non hanno mai battuto i pugni per lo sdegno e per il giusto riconoscimento professionale.

Come ci si può oggi indignare se si riducono le cattedre? Come ci si può sorprendere se l’infermiere, grazie ai nostri docenti infermieri e dirigenti infermieristici, viene visto come un mero esecutore dell’assistenza diretta che neanche nel vecchio mansionario spettava all’infermiere professionale, ma all’infermiere generico (Leggi DPR 225/74 art. 6).

Se vogliamo finalmente far rispettare la nostra professionalità, anche a livello di insegnamento accademico, si deve partire dal basso, attraverso:

– un contratto separato delle Professioni Sanitarie;

– riconoscimento delle compentenze avanzate, sia dal punto di vista professionale, che economico;

– rispetto delle professionalità, vietando mansioni inferiori;

– rispetto della dotazione organica in relazione alle reali complessità assistenziali;

– maggiore autonomia infermieristica nel rispetto del proprio profilo professionale;

– intramoenia e abolizione del vincolo di esclusività.

Se non partiamo da questi fondamentali punti base, non avremo mai il giusto riconoscimento a livello sociale, normativo, economico ed universitario.

Fonte

Sindacato CoinaNews

M. C.

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione