Un microchip nascosto nelle divise e nei camici di quasi tutti i dipendenti della sanità della Liguria. Medici, infermieri, tecnici,ausiliari.

Solo chi ha ruoli amministrativi si salva. Uno dei primi ad accorgersene è stato il portinaio del Galliera, l’ospedale dalla Curia genovese il cui presidente è il cardinale ed ex presidente della Conferenza episcopale italiana Angelo Bagnasco. Appoggiando la mano su una cucitura della camicia, Tullio Rossi, questo il nome del portinaio, s’è accorto di una specie di bottoncino nascosto dentro. Ha preso in mano le forbici per tagliare un lembo della camicia ed è saltato fuori il dispositivo: una cimice con le funzioni di localizzatore gps, come hanno chiarito gli accertamenti successivi.

La vicenda è stata resa nota dalle pagine locali di Repubblica, che racconta come i microchip non siano stati fatti indossare solo ai dipendenti del Galliera. Ma a quelli di tutte le strutture sanitarie pubbliche della regione. Un modo per controllare in ogni momento dove si trovano i dipendenti, per spiarli: “Una grave violazione della privacy e un controllo fuorilegge sul posto di lavoro”, è l’accusa dei sindacati, che lamentano pure di non essere stati avvisati. E sono preoccupati per gli eventuali rischi per la salute dei lavoratori, visto che a qualcuno, come lo stesso Rossi, tocca di indossarne più di una cimice: una nascosta nella camicia, una nei pantaloni, una nella giacca. Diversa la versione dei direttori delle strutture sanitarie: “Il microchip identifica la persona – ha spiegato a Repubblica Luigi Bottaro, direttore della Asl Tre di Genova -. E’ associato a quel dipendente in modo che i capi, dopo essere stati lavati, tornino alla base di partenza, cioè ai proprietari. Per evitare, così, che possano finire ad altri”. Un sistema insomma per monitorare il percorso dagli ospedali alle lavanderie degli indumenti, per evitare che si perdano, utilizzato anche nelle lenzuola.

Un’innovazione, secondo le Asl, apportata dal maxi appalto da 66 milioni di euro vinto dalla ServiziItalia di Castellina di Soragna (Parma). A bandire la gara è stata Alisa, l’Azienda Ligure Sanitaria, al cui vertice il governatore Giovanni Toti ha chiamato Walter Locatelli, in precedenza ai vertici della sanità lombarda.
“Per controllare gli indumenti ci sono già le targhette con nome e cognome del dipendente e i codici a barre”, ribatte Tullio Rossi che è anche rappresentante sindacale dell’Usb. A lui che se n’è accorto il Galliera, attualmente impegnato a portare avanti un contestato progetto per la costruzione di nuovi padiglioni su cui pende un ricorso al Tar, non gliela sta facendo passare liscia. Contro Rossi, che dice di avere estratto il dispositivo solo per capire di cosa si trattasse, è stato infatti aperto un procedimento disciplinare per avere “arbitrariamente eliminato – si legge nella lettera di contestazione – il microchip presente in una delle camicie costituenti la dotazione personale, necessario per la tracciabilità del capo”.

Alfio Stiro

Fonte

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione