Barcellona,Messina

Mentre la nuova rete ospedaliera è al centro di proteste per i tagli a presidi e posti letto e mentre cittadini e politici si mobilitano a tutela di ospedali e strutture complesse penalizzati segnaliamo quanto accaduto il 5 luglio ad una paziente soccorsa dal 118 ma che non è stata presa in carico dal Pronto soccorso del Cutroni Zodda di Barcellona perché i medici non hanno voluto.

L’episodio è stato prontamente denunciato dal medico del 118 che ha soccorso la paziente e che ha scritto al direttore della Centrale operativa del Sues 118 di Messina, ai vertici dell’Asp 5, e per conoscenza al sostituto responsabile del MCAU del P.O. “Cutroni Zodda” di Barcellona P.G. e al Presidente dell’Ordine dei medici di Messina.

Di seguito la segnalazione inoltrata dal dottor Antonio Bandieramonte che ha svolto l’intervento di soccorso con la ME3, una delle ambulanze medicalizzate (e che rischiano di subire tagli pesanti) in servizio a Messina e che si è visto opporre il rifiuto da parte dei colleghi di turno del pronto soccorso di Barcellona per prendere in carico la paziente.

Alla donna, di 89 anni e che rispondeva in maniera orientata a tutti gli stimoli verbali, sono state effettuate immediatamente, a bordo dell’ambulanza tutte le analisi del caso (aveva un catetere e da 7 giorni era affetta da una sindrome diarroica), dalla pressione arteriosa, alla frequenza cardiaca fino agli esami su glicemia, azotemia etc

“ Al mio arrivo al Pronto soccorso del Cutroni Zodda di Barcellona, vengo accolto dal dottore (…) che in prima istanza mi informa sulla non funzionalità della TAC e della mancanza dell’urologia, cose che a mio avviso avevano poca attinenza col caso clinico in questione, e per tutta risposta si permetteva di ironizzare sulle mie capacità professionali. Chiedevo di registrare il paziente al triage, ma l’infermiere addetto riceveva perentoriamente l’intimazione da parte di un altro dottore che nel frattempo era sopraggiunto, di non procedere, sostenendo che non era paziente che poteva essere seguito a Barcellona, chiedevo che mi venisse rilasciata una motivazione per iscritto, a seguito della quale io avrei potuto motivatamente lasciare il pronto soccorso di Barcellona e recarmi altrove, ma ricevevo un perentorio diniego, da parte di entrambi, a tal proposito. Come da prassi contattavo il medico di Centrale che nell’occasione era il collega Piero Marino, lo stesso sorpreso dall’atteggiamento dei colleghi mi spronava a chiedere una motivazione scritta, anch’egli messo in contatto coi due medici non riusciva nell’opera di convincimento. L’ultimo atto vede la sensibilizzazione delle forze dell’ordine da parte della centrale, ma anche questa mossa risulta sterile. Mi veniva consigliato da un rappresentante delle forze dell’ordine che nel frattempo aveva contattato telefonicamente il PS, che nel caso in cui avessi evidenziato gli estremi per una denuncia, di non avere remore a metterla in atto, ma che non poteva mandare nessuna pattuglia al PS. Per il bene della paziente e per l’immagine della sanità più che mai calpestata in questa circostanza, evitando ogni ulteriore polemica, mi recavo al PS di Milazzo. Per onor di cronaca la paziente è stata reidratata, le sono stati rifatti gli esami ematochimici ed è stata dimessa al proprio domicilio nottetempo.

Stanco di un clima più che mai avvelenato, dove l’ostruzionismo è all’ordine del giorno e dove il rispetto delle figure professionali non si sa più dove stiano di casa, confido in un fermo richiamo all’ordine da parte delle figure competenti alle quali questa missiva è indirizzata.

P.S. Non escludo inoltre, ravvisandone gli estremi, di procedere comunque autonomamente ad avvisare la procura della Repubblica del reato che si è concretizzato nel non registrare la paziente da me condotta.

Barcellona Pozzo di Gotto, 6 luglio 2017. Dottor Antonio Bandieramonte

Alfio Stiro

NurseNews.eu

Fonte temporeggiare.it

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione