I risultati catanesi del congresso PD consegnano alcuni dati interessanti per delineare gli scenari futuri. Intanto è scomparso il notabilato che sino a ieri ha gestito il partito apparendo del tutto scollegato dalla realtà del territorio.

La lista Renzi, rappresentata quasi totalmente dal gruppo dei deputati regionali Sammartino e Sudano al 60% eleggendo 8 candidati, La lista Orlando guidata dal coordinatore Giuseppe Berretta sfiora il 28%, 7 punti in più della media nazionale, ed elegge 4 delegati, Emiliano con Crocetta ne elegge 2 con l’11%. TUTTI I RISULTATI ED I NOMI DEGLI ELETTI

Si sono delineati definitivamente gli equilibri che tra qualche giorno determineranno un deciso cambio di passo nella gestione catanese dell’ultimo partito strutturato rimasto sul territorio.
Il primo dato, anticipato dalla composizione delle liste, è la scomparsa della rappresentanza legata al sindaco di Catania Enzo Bianco che non ha trovato spazio nella loro formazione, circostanza che avrà ripercussioni nella prossima configurazione dei quadri dirigenti locali.
Il numero dei votanti in provincia di Catania rispetto alle precedenti consultazioni è aumentato di quasi il 50%, passando dai 18.000 del 2013 agli oltre 27 mila di ieri, risultato in contro tendenza rispetto al nazionale ed in gran parte attribuibile al recente innesto nel partito dell’area ex Articolo 4 che fa riferimento ai deputati regionali Luca Sammartino e Valeria Sudano.
Ed è infatti questo gruppo che fa la parte del leone entrando in assemblea con entrambi i deputati e gli altri componenti della lista Renzi Ersilia Saverino, Gianfranco Vullo, Francesca Raciti, Giovanni Barbagallo, Anthony Barbagallo e Raffaele Nicotra.
In provincia di Catania la lista Renzi ha portato a votare 16.416 simpatizzanti, ottenendo il 60.61%.
Seconda classificata ma con un ottima performance, in decisa controtendenza rispetto al dato nazionale, la lista a sostegno del ministro Orlando che con il coordinatore Giuseppe berretta riesce a mobilitare quasi 9 mila elettori che portano il gruppo a sfiorare il 28% contro il 21 nazionale. Risultano eletti, oltre al deputato nazionale Giuseppe Berretta, Concetta Raia, Angelo Villari ed Antonina Puglisi.
3.120 i sostenitori che hanno assegnato ad Emiliano l’11.52%, anch’esso in crescita rispetto al dato nazionale, sostenuto dal presidente della regione Crocetta con il coordinatore catanese Giuseppe Causo che portano in assemblea i due crocettiani Giovanni D’Avola e Luigi Bosco.
Cristallizzati i risultati, ci sarà adesso da valutarne le ricadute sul territorio, con l’ipotesi più accreditata che vede un vero e proprio sconvolgimento dei quadri dirigenti locali, con l’ormai definitiva legittimazione degli ex Articolo 4 sinora fortemente osteggiati da quanti hanno detenuto il controllo di partito sulla base di posizioni di rendita duramente sconfessate prima dal pessimo risultato referendario ed adesso da queste votazioni congressuali.
Sarà interessante seguire gli sviluppi che potrebbero aprire una stagione comunque nuova, importante da analizzare a prescindere dalle posizioni politiche di ciascuno, considerato che si tratta del partito, almeno attualmente, al governo di nazione, regione e città.
Staremo a vedere convinti come siamo che difficilmente si potrà rimpiangere un passato che ha ridotto Catania quella che stiamo purtroppo vivendo.
Speriamo che il futuro sia cominciato. In ogni caso qualcosa si è mosso.
Auguri agli eletti.

Fonte
Sudpress

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione