Nurse, Student, Education.

Il sottosegretario alla Sanità, Davide Faraone: “Useremo ogni strumento utile a loro difesa”
Il vero rischio per medici e infermieri? Non quello di contrarre qualche patologia stando a contatto con i pazienti, ma l’essere diventati bersaglio di aggressioni e violenze. Sembra questa la situazione negli ospedali siciliani, quelli palermitani inclusi, stando a guardare le statistiche. I numeri parlano di un’aggressione ogni quindici giorni contro medici e infermieri dei pronto soccorso del capoluogo siciliano e decine di atti di intimidazione verso i camici bianchi denunciati in tutta la Sicilia.

 

Il 2 dicembre scorso un’infermiera dell’ospedale pediatrico Di Cristina è stata spintonata e minacciata dai familiari di una bimba. A fine novembre, un infermiere del pronto soccorso di Partinico è stato aggredito brutalmente da un paziente e ha riportato una frattura dello zigomo e dell’osso parietale. Non molto tempo prima, un paziente in attesa di ricovero al Policlinico aveva aggredito medici e infermieri in uno scatto d’ira.

Una situazione grave, tale da indurre il collegio degli infermieri della provincia di Palermo (Ipasvi) a scrivere una lettera aperta ai manager dell’Arnas Civico, dell’ospedale Villa Sofia Cervello, dell’Asp e del Policlinico sottolineando denunciando che “la violenza nei pronto soccorso sta diventano un’emergenza. Come tale va prevenuta, utilizzando gli strumenti previsti dal ministero della Salute”. La Cimo invoca un’audizione urgente delle commissioni Antimafia e Sanità all’Ars e torna a chiedere, come già nel 2015, l’intervento dei prefetti di tutta la Sicilia, la Uil chiede che vengano reintrodotti i posti di polizia nei pronto soccorso, dove spesso sono stati ridimensionati per la spending review.

Il sottosegretario alla Sanità Davide Faraone, a Catania proprio all’indomani di un’aggrassione ai danni di un medico all’ospedale Vittorio Emanuele, ha garantito che “I medici e quanti operano in contesti sociali difficili non vanno lasciati soli. Occorre ascoltarli per comprendere dalla loro viva voce quali interventi sarebbero i più efficaci per sostenerli nella loro azione che vede al centro i cittadini e il loro bisogno di salute. Metteremo in campo ogni strumento utile a migliorare le condizioni di lavoro dei tanti medici e operatori sanitari in genere impegnati per la salute dei cittadini, anche in contesti ambientali speso difficili”.

Fonte.

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione