fornaroli

7 ottobre 2016
Infermieri
Aggredite verbalmente da una folla di persone senza il minimo rispetto per il lavoro altrui. Pochi giorni fa, davanti al CUP dell’ospedale Fornaroli di Magenta è avvenuta una scena che ha dell’incredibile. Era mezzogiorno e un uomo di 70 anni era in fila per una prenotazione, quando si è accasciato a terra perdendo conoscenza. Ha smesso di respirare e anche il suo cuore aveva smesso di battere. Era stato sorpreso da un arresto cardiaco.

Una ragazza che si trovava proprio in quel punto, soccorritrice volontaria, ha riconosciuto l’arresto cardiaco e ha cominciato il massaggio.

Nel frattempo sono arrivate due infermiere del pronto soccorso con defibrillatore, seguite un minuto dopo da un medico e un’infermiera del reparto di Rianimazione. E’ stato a quel punto che, tra le persone che hanno assistito all’episodio sono partiti gli insulti rivolti alla dottoressa e alle infermiere. Gente che urlava accusandole di ritardi ingiustificati. “Dove siete state finora? A Bere il caffè?”. Sono partite anche delle parolacce. Le urla non cessavano. Quando la dottoressa ha intimato di allontanarsi perché stava defibrillando, qualcuno ha perfino insinuato che non se ne sarebbe andato perchè doveva controllare quello che stava accadendo.

Fino ad arrivare agli applausi ironici quando è stato il momento di caricare l’uomo, corpulento, sulla barella. Operazione alla quale, nessuno tra i presenti, si è sognato di dare una mano. Il fatto è stato segnalato alla direzione sanitaria ed è stato presentato un esposto all’Arma dei Carabinieri. “Sono stata attaccata professionalmente e umanamente – ha commentato un’operatrice intervenuta – Quelle persone non hanno avuto il minimo rispetto per il nostro lavoro e nemmeno per il paziente. Hanno ostacolato i soccorsi con il loro comportamento incivile”. L’operatrice parla a nome personale e tiene a precisare che, in tutte le situazioni, chi interviene da il massimo. “La procedura è stata rispettata in pieno – sottolinea – dopo quattro minuti dall’arresto cardiaco il paziente era già defibrillato e intubato”. Per la cronaca il cuore del paziente ha ripreso a battere e, dopo soli due giorni di ricovero nel reparto di Rianimazione era già stato dimesso per essere trasferito ad altra unità. A 70 anni era già al sesto arresto cardiaco.

L’intervento delle operatrici ha, quindi, avuto esito positivo. Ma, evidentemente, tutto questo ai presenti non interessa. Quello che importava era insultare senza sapere come si interviene in certi casi. “A distanza di qualche giorno provo ancora una sensazione sgradevole nel pensare a quei momenti – ricorda – Sembrava quasi che nessuno volesse riconoscere la nostra professionalità, quando stavamo facendo tutto quello che c’era da fare”.

Fonte

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione