e76b19068b8a7b62bcd7955ba4e97874-300x180 NAPOLI- Francesco è un bimbo napoletano che ha compiuto otto anni a febbraio ed ha una patologia che pare uno scioglilingua: leucomalacia gliotica periventricolare multicistica in macrocrania da grave idrocefalo. Comporta ritardo psicomotorio e del linguaggio, crisi epilettiche ed episodi di cianosi. Quando succede, ha le convulsioni e non riesce a respirare. Urgono, in queste circostanze, la tempestiva somministrazione di un farmaco e di ossigeno attraverso una bombola.


Una vita molto complicata per lui e per i genitori, Alessandro Cardone ed Emilia Lauro. A scuola, Francesco frequenta l’istituto Bonghi. Si è appena iscritto alla quarta classe della primaria, le vecchie elementari. Per stare in aula con i compagni, ha bisogno di cure e di un professionista specializzato, capace di intervenire prontamente, in caso di crisi epilettiche o cianosi, per somministrargli farmaco ed ossigeno. Un infermiere, insomma. In prima e seconda classe e nei primi mesi della terza classe lo ha avuto, in virtù di una convenzione tra la Asl Napoli 1 ed il comune di Napoli, ed ha potuto così frequentare le lezioni come i suoi coetanei. Scaduta la convenzione, il 31 dicembre 2015, l’infermiere è andato via dalla scuola. I genitori di Francesco hanno chiesto alla Asl di non abbandonare il figlio. Invano. L’azienda sanitaria ha obiettato che non c’è la possibilità di prevedere assistenza infermieristica nelle scuole, che i bilanci sono quello che sono e che, al più, si sarebbe potuto rimediare addestrando un assistente tecnico amministrativo a compiti infermieristici. Per tutto il secondo quadrimestre dello scorso anno scolastico il bambino ha continuato a frequentare, dunque, solo in virtù dell’abnegazione della madre, Quest’anno il problema si è ripresentato.
Nel frattempo, però, è arrivata anche una sentenza del tribunale di Napoli, sezione lavoro e previdenza, alla quale si erano rivolti i genitori dell’alunno disabile, patrocinati dall’avvocato Giuseppe Iavarone. Rende giustizia alla famiglia di Francesco ed impone all’Asl Napoli 1 di garantire al bambino la presenza di un infermiere a scuola. I magistrati – presidente del collegio Carla Musella, giudici Giuseppe Gambardella e Carmen Lombardi – richiamano norme internazionali e nazionali – dalla legge istitutiva del sistema sanitario nazionale alla convenzione delle Nazioni Unite per le persone con disabilità – e bacchettano duramente i burocrati della Asl. «E’ evidente – scrivono nella sentenza pervenuta in Cancelleria il 26 settembre – che il diritto fondamentale e insopprimibile di cui si discute, quand’anche facente capo ad un solo minore svantaggiato, non tollera compressione in ragione di generiche esigenze organizzative collegate alle ordinarie attività svolte dalle Asl». Definiscono «inappagante» la soluzione prospettata dall’azienda sanitaria di destinare a Francesco, in caso di attacchi convulsivi o cianotici, un assistente tecnico amministrativo, sia pur formato, anche in ragione «dell’urgente necessità di assicurare al minore la possibilità di frequentare le lezioni già dall’inizio del corrente anno scolastico». Il bimbo avrà dunque finalmente e, si spera, rapidamente l’infermiere cosi Potrà frequentare la quarta classe per la sicurezza di tutta la scuola.

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione