agopuntura4

AGOPUNTURA E PRATICHE DI MEDICINA TRADIZIONALE CINESE: Il Nursing Up insorge innanzi al Parlamento Europeo.

Nursing Up insorge innanzi al Parlamento Europeo a tutela degli infermieri italiani: “l’Accordo Stato Regioni che ci inibisce, come infermieri, di praticare agopuntura”. PER NOI E’ ILLEGITTIMO… L’EUROPA INTERVENGA.


SOSTIENI LE NOSTRE AZIONI , FIRMA ANCHE TU!
Accade proprio questo colleghi, nonostante le specifiche indicazioni provenienti dalla massima autorità competen­te in materia (l’OMS), in Italia un Accordo Stato Regioni esclude la categoria degli infermieri dal novero dei professionisti ammessi a esercitare agopuntura individuando esclusivamente nella categoria dei medici (ma anche dei farmacisti e dei veterinari…) quella più adatta a praticarla.

L’accordo non solo mortifica la nostra professionalità, ma volta le spalle, gravemente, finanche alle indicazioni det­tate sul tema dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Per chiarire di cosa sto parlando ritengo utile trascrivere quella parte dell’accordo che ci riguarda e dove specifica­tamente si legge: “L’agopuntura, la fitoterapia e l’omeopa­tia costituiscono atto sanitario e sono oggetto di attività riservata perché di esclusiva competenza e responsabilità professionale del medico chirurgo, dell’odontoiatra pro­fessionale, del medico veterinario e del farmacista, ciascu­no per le rispettive competenze”.

Secondo quanto appena trascritto sono in grado di prati­care agopuntura oltre ai medici chirurgi, anche gli odonto­iatri, i veterinari e i farmacisti, ma non gli infermieri.

Il motivo di tale limitazione sarebbe giustificato dalla se­guente disposizione (che sempre mi limito a trascrivere): “L’agopuntura, la fitoterapia e l’omeopatia sono conside­rate come sistemi di diagnosi, di cura e prevenzione che affiancano la medicina ufficiale”.

Tutti voi condividerete con me un’evidenza: siamo di fron­te ad una affermazione completamente destituita di qua­lunque fondamento, una vera e propria presa di posizione che non tiene conto degli studi condotti dall’Organizza­zione Mondiale della Sanità sulle medicine alternative (tra cui l’agopuntura).

La Conferenza permanente per gli accordi tra lo Stato e le Regioni, partendo dal dato incontestabile per cui agli infermieri è preclusa la diagnosi (medica) al solo fine di escluderli dalla facoltà di praticare l’agopuntura, definisce testualmente tale pratica come “un metodo di diagnosi”.

Ma, pensiamoci bene cari colleghi e colleghe, se la limi­tazione rispetto alla facoltà di praticare agopuntura fosse effettivamente giustificata dalla capacità (o incapacità) di fare diagnosi, allora non avrebbe senso l’articolo 4 dell’Ac­cordo Stato Regioni che noi contestiamo, secondo cui “ai fini dell’iscrizione agli elenchi istituiti presso gli Ordini professionali provinciali dei medici chirurghi e odontoia­tri, il percorso formativo dei professionisti che esercitano l’agopuntura […] deve essere effettuato […] presso soggetti pubblici o privati accreditati alla formazione”.

Sulla scorta delle norme sopra trascritte si evince un quadro a dir poco paradossale ed insensato: i medici possono pra­ticare agopuntura perché possono fare diagnosi, ma allo stesso tempo, in realtà, non possono praticare agopuntura a meno che non seguono un percorso formativo sulle me­dicine tradizionali cinesi tra cui l’agopuntura stessa.

Allora viene da sé che i medici si trovano nella stessa posizione degli infermieri che, come i primi, non sono in grado di praticare agopuntura se non vengono formati in tal senso.

Ed è più che giusta (concedetemi l’espressione) l’impo­sizione di un corso formativo, se si tiene conto del dato fondamentale dettato dall’OMS per cui: L’AGOPUNTURA, espressione della medicina tradizionale cinese, NULLA HA A CHE FARE CON LA MEDICINA OCCIDENTALE.

Secondo l’Organizza­zione Mondiale della Sanità la medicina tradizionale cinese ha infatti una propria identità che differisce in toto dalla medicina occidentale e che prescinde dalla capacità di fare diagnosi.

Ed è proprio l’Organizzazione Mondiale della Sanità a pre­vedere che gli infermieri che lo desiderino, come i medici, adeguatamente formati sulla medicina tradizionale cinese e sulla agopuntura devono essere ammessi a tale pratica!

Per dovere di precisione ve ne trascrivo lo stralcio: “I pro­fessionisti della medicina tradizionale e complementare cinese (tra cui l’agopuntura) possono essere […] e opera­tori sanitari quali medici, dentisti, infermieri, ostetriche, fisioterapisti e farmacisti che trattano i loro pazienti con la medicina tradizionale e complementare cinese”.

Ebbene l’Italia, con il suo provvedimento, ha incredibil­mente voltato le spalle all’OMS vessando i diritti di noi in­fermieri e mortificato la nostra professionalità!

Nella qualità di Presidente del Nursing Up, su questi pila­stri e con la convinzione di interpretare il risentimento di tantissimi colleghi infermieri ho deciso di presentare (pri­ma iniziativa nel suo genere) una serie di azioni multiple e coordinate, al fine di richiamare l’attenzione di quelle Istituzioni Europee che risultano direttamente e/o indi­rettamente preposte, ai vari livelli e con diverse modalità, alla sorveglianza sulla congruità del comportamento dei singoli Paesi rispetto al Diritto UE.

Ho sottoscritto pertanto le seguenti azioni:

Petizione al Parlamento U.E.;
Denuncia alla Commissione Europea;
Esposto al SOLVIT;
Esposto al punto di contatto nazionale sul riconosci­mento professionale Direttiva E.U. 2005/36/C.E.

Come Presidente-infermiere ritengo assolutamente inac­cettabile il contenuto dell’Accordo Stato Regioni che contestiamo, ritenendo la disposizione pericolosissima, perché potrebbe aprire la porta a tutta una serie di prov­vedimenti analoghi, dalla quale discendono impropri ef­fetti protezionistici a favore dei medici e che si conferma ingiustificatamente incurante del nostro elevato livello formativo e della nostra professionalità.

Parliamo di diritti e di interessi degli infermieri che vengono ancora una volta calpestati e lesi assieme a quelli di tutta la collettività sociale italiana.

Sappiamo che stiamo chiedendo all’Europa di sostenerci nello sfondare un muro di interessi di casta che, almeno in Italia, è potente e determinata, ma sappiamo anche di aver ragione nelle nostre richieste.

Chiedo pertanto a tutti gli infermieri di darci il proprio ap­poggio per iniziative così delicate. Propongo, inoltre, anche agli altri professionisti della salute che si oppongono a tali prevaricazioni e ad ogni altro cittadino italiano che la pensa come noi, di sostenere la nostra petizione, perché stiamo parlando di provvedimenti che, in quanto irrazionali ed illo­gici favoriscono solo alcune categorie professionali a dan­no di altre e di tutta la collettività sociale.

Link Firma la Petizione

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione