syringe-of-air Venerdì 23 gennaio 2015 Su Nature Communications.i t è stato presentato un nuovo sistema di somministrazione di farmaci che prevede l’utilizzo di nanoparticelle a “rilascio innescato” in grado di rilasciare gli agenti terapeutici solo all’interno della cellula bersaglio. Lo studio è stato condotto dai ricercatori del Dipartimento di Chimica dell’Università di Warwick nel Regno Unito.

Il meccanismo inizia con due nanoparticelle “madri” che trasportano ciascuna una metà del farmaco. Queste particelle sono progettate per interagire tra loro solo quando sono vicine l’una all’altra. Quando interagiscono, attraverso un processo di stereocomplessazione portano alla formazione di una particella “figlia” che rilascia il farmaco attivo completo.

“In questo modo“, affermano Andrew Dove e Rachel O’Reilly, a capo delle sperimentazioni, “il farmaco può essere rilasciato in modo mirato dove vogliamo e quando richiesto, aumentandone l’efficacia e riducendo gli effetti collaterali. Un altro vantaggio del dispositivo è che non richiede uno stimolo esterno per attivare l’interazione e il rilascio del farmaco”.

“Secondo i nostri studi, le particelle non sono in grado di interagire tra loro in misura sufficiente quando si trovano in circolo, ma solamente quando entrano nelle cellule riescono a interagire e rilasciare il farmaco. In questo modo, l’agente terapeutico viene rilasciato in modo estremamente mirato e risulta più efficace e con meno effetti collaterali a esso associati”, aggiungono gli esperti.

La composizione chimica delle due nanoparticelle “madri” è cruciale perchè la nuova tecnica risulti efficace. Queste particelle, infatti, hanno una forma cilindrica e sono costituite da catene polimeriche che differiscono tra loro solo per il modo in cui i legami chimici sono diretti in una parte della struttura.

“Quando le due particelle “madri” si trovano molto vicine fra loro le catene polimeriche sono spinte a unirsi per formare una particella “figlia” attraverso un fenomeno noto come stereocomplessazione. Attraverso questo processo di riarrangiamento, il farmaco contenuto all’interno delle nanoparticelle viene rilasciato in corrispondenza della cellula bersaglio”, spiegano gli esperti.

“Questa nuova strategia di somministrazione mirata dei farmaci potrebbe trovare largo impiego nella terapia del cancro, ma anche di altre patologie, concludono gli esperti”.

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione