1430860425-0-giornata-mondiale-dell-igiene-delle-mani-i-consigli-dell-oms Non è un inno all’inchiesta che sconfisse Tangentopoli. E nemmeno una consacrazione del la celebre frase pronunciata da Ponzio Pilato. “Le mani Pulite” sono una buona pratica che può garantire Igiene e sicurezza nei luoghi di cura. E proprio oggi, il 5 maggio è la giornata internazionale del lavaggio delle mani promossa dall’Organizzazione mondiale della sanità: serve a ricordare l’importanza della corretta igiene delle mani, nella prevenzione delle infezioni trasmissibili in ambiente ospedaliero e di cura.

GIORNATA VOLUTA DALL’OMS 10 ANNI FA

In particolare, quest’anno, l’iniziativa è dedicata alle cure sicure in chirurgia, come richiamato espressamente nel titolo scelto dall’Oms: “See your hand – hand hygiene supports safe surgical care”.
Nel 2016, ricorrono i 10 anni della campagna dell’Oms “Save lives: clean yor hands”, “Salvate vite, lavatevi le mani”, nata allo scopo di mettere a punto un piano d’azione per promuovere l’igiene delle mani nei luoghi di cura, non solo per il personale sanitario, ma anche per i pazienti e per i visitatori.
L’area aretina della Asl ottenne l’attestazione e l’accreditamento su questa buona pratica già nel 2008 da parte della apposita commissione regionale.
“La sicurezza del paziente – spiegano i sanitari della Gestione del rischio clinico – è un valore fondante per ogni sistema sanitario, ma riuscire a garantirla, per ogni individuo in ogni momento del percorso di cura, non è sempre facile, data la complessità delle organizzazioni sanitarie stesse e le interazioni che i pazienti hanno con il personale, con gli altri degenti, con i parenti e i visitatori. Il nostro obiettivo è lavorare affinché la diffusione delle pratiche sicure, a partire dalla fondamentale igiene delle mani che sono uno dei principali veicoli di infezione, porti ad una ulteriore diminuzione delle infezioni contratte in ambito ospedaliero.
È necessario, quindi, che tutti coloro che a vario titolo si occupano dei pazienti, compresi familiari e visitatori, pongano la massima attenzione e la massima cura ad una corretta ed efficace igiene delle mani”.

GUARDARE ALLA SICUREZZA DEL PAZIENTE

E’ quindi chiaro che la sicurezza del paziente è un valore importante per un sistema sanitario, ma riuscire a garantirla per ciascuna persona in ogni momento di cura non è sempre facile data la complessità delle organizzazioni sanitarie. Inoltre, le infezioni correlate all’assistenza sono un problema spesso non riconosciuto ma presente; si tratta di un problema che può tuttavia essere in molti caso prevenuto con la progressiva diffusione di pratiche sicure.

Sulla base delle indicazioni della letteratura e degli studi effettuati in questi anni, si stima che in Italia dal 5 all’8% dei pazienti ricoverati contragga un’infezione ospedaliera.
Per secoli, il lavaggio delle mani con acqua e sapone è stato considerato una misura di igiene personale, mentre la connessione con la trasmissione delle malattie è stata stabilita solo negli ultimi 200 anni. Alla metà del 1800 gli studi di Ignaz Semmelweis, a Vienna, stabilirono che le infezioni contratte in ospedale, che ora sappiamo essere causate da agenti infettivi, venivano trasmesse attraverso le mani del personale sanitario. In questo settore l’igiene delle mani è stata riconosciuta come importante misura di prevenzione e controllo in grado di ridurre significativamente l’entità della trasmissione delle malattie infettive. E’ però necessario sottolineare come tutte le persone che si occupano a vario titolo del paziente, compresi familiari e visitatori, debbano porre l’attenzione e la cura necessarie per una corretta ed efficace igiene delle mani.

PERCHE’ IL 5 MAGGIO

Infine, una curiosità, l’Oms ha scelto come data il 5 maggio, il quinto giorno del quinto mese dell’anno, per ricordare i cinque momenti fondamentali per l’igiene delle mani nelle attività sanitarie e assistenziali, per il personale e tutti coloro che assistono i pazienti: 1) prima del contatto con il paziente; 2) prima di una manovra asettica; 3) dopo l’esposizione a un liquido biologico; 4) dopo il contatto con il paziente; 5) dopo il contatto con ciò che è intorno al paziente.

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione