grillo Il deputato segnala inoltre che il personale sanitario dell’ospedale è stato costretto ad essere sottoposto a cure per tossicosi. Chiede quindi se i due ministri “intendano valutare la possibilità di usare i locali dell’Istituto di Medicina Legale, dotato di locali appositi per i processi di identificazione dei cadaveri e di riconoscimento delle cause della morte, anziché locali inidonei e non preposti a questo scopo”. L’INTERROGAZIONE..

21 LUG – Lo scorso 4 luglio tredici salme recuperate al largo della Libia vengono trasferite all’Ospedale Vittorio Emanuele di Catania, probabilmente legate alla tragedia del 18 aprile in cui persero la vita 700 immigrati. I corpi, tuttavia, sarebbero stati trasportati dentro normali sacche e depositati in ambienti non adatti a contenerli e in particolare all’interno di vecchie sala parto del reparto di ginecologia. Nello stesso padiglione ogni giorno si assistono donne incinte.

Antonio Gulisano, direttore della Diagnosi Prenatale dell’ospedale Vittorio Emanuele ha, inoltre, denunciato che le operazioni di trasferimento delle salme in ambienti non refrigerati e la conseguente perdita di liquami hanno determinato complicazioni all’interno del reparto, compreso il ricovero di alcuni dipendenti per l’insorgere di sintomi da tossicosi. I rappresentanti istituzionali del Comune di Catania hanno comunque affermato che quanto eseguito per la disinfezione dell’ospedale Vittorio Emanuele costituisca una procedura normale, mentre operatori sanitari e medici sostengono che quel tipo di bonifica non ha precedenti.

Sulla base di questi elementi Giulia Grillo, deputato del M5S e membro dell’Affari Sociali, ha presentato un’interrogazione in commissione al ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, e al ministro dell’Interno, Angelino Alfano, per esaminare alcune scelte e in particolare:
►l’utilizzo di normali sacche per salme, non adatte a trattenere i liquami;
►il personale sanitario dell’ospedale costretto ad essere sottoposto a cure per tossicosi;
►il trasferimento delle salme nel reparto di Ginecologia, nel quale ogni giorno vengono assistite donne incinte;

Grillo chiede inoltre ai due ministri:
►se siano a conoscenza del luogo dove sono state allocate attualmente le altre salme dei migranti periti in mare il 18 aprile scorso;
►se, nel caso in cui sia prevista una prosecuzione dell’azione di identificazione e accertamento della morte per come già avvenuta e descritta in premessa, non valutino di convocare un tavolo congiunto tra Comune di Catania, Regione Sicilia, Prefettura, ASP, per pianificare le azioni necessarie, tutelando la salute dei cittadini e del personale medico–sanitario;
►se intendano valutare, per le proprie competenze, la possibilità di usare i locali dell’Istituto di Medicina Legale dell’Università di Catania, dotato di locali appositi per i processi di identificazione dei cadaveri e di riconoscimento delle cause della morte anziché locali inidonei e non preposti a questo scopo come accaduto nell’episodio descritto in premessa.
fonte
Quotidianosanita.it

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione