avv.

Avrà colpito tutti, genitori e non, la notizia del 19 marzo scorso della morte, in una scuola di Napoli, del piccolo Patrizio, un bambino di soli 4 anni rimasto soffocato da un pezzo di mozzarella durante l’ora della mensa scolastica…

Nonostante l’intervento del personale, nessuno è stato in grado di intervenire adeguatamente in modo tempestivo per portargli il necessario soccorso e la morte del bambino è avvenuta prima del suo arrivo in ospedale.

L’apertura doverosa di una inchiesta sulla vicenda, al di là del discorso sull’accertamento delle responsabilità, pone l’accento sulla necessità della costante presenza, nell’ambito delle strutture scolastiche, di personale infermieristico o medico che sia in grado di affrontare, nel modo più adeguato, eventuali emergenze. In un episodio come quello appena ricordato, infatti, anche la sola conoscenza della manovra di Heimlich avrebbe potuto evitare la tragedia.

Senza guardare a vicende di questa portata, tuttavia, il solo fatto che le scuole non possano far assumere farmaci (anche di uso abituale) ai bambini, costringendo i familiari a tornarvi nell’ora stabilita per la somministrazione, fa comprendere il disagio che alla famiglia può comportare l’assenza di personale responsabile nel trattamento di cure sanitarie.

Tutte le strutture scolastiche, pubbliche e private, sono infatti fornite di materiale di pronto soccorso e spesso di stanze adibite ad infermeria; ma al contempo non sono dotate di personale autorizzato ad intervenire in situazioni di pericolo per la salute dei bambini.

A tal proposito di certo sarebbe utile la promozione, da parte del Ministero della Salute, di una campagna di informazione al cittadino [1] che mostri, di fatto, come comportarsi, non solo in caso di soffocamento, ma anche in altre situazioni di emergenza, in attesa dell’arrivo dei soccorsi. Ma anche ciò potrebbe essere insufficiente.

I tagli del Governo alle entrate scolastiche costituiscono un limite per qualsiasi iniziativa. Ma se è vero che si può anche accedere all’idea di portarsi da casa il materiale di cancelleria o addirittura (cosa che avviene spesso) la carta igienica o di rinunciare ad attività parascolastiche, non è ammissibile in alcun modo effettuare tagli su interventi indirizzati alla salute e alla sicurezza dei nostri figli.

È per questo motivo che è in corso una petizione che è possibile firmare cliccando su questo link. In questo modo, i promotori dell’iniziativa per l’introduzione di infermieri nelle scuole potranno raggiungere l’obbiettivo delle 50.000 firme
http://www.laleggepertutti.it/27587_un-infermiere-nelle-scuole-limportanza-di-una-firma

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione