inf manette

11 GIU – Nuovo capitolo della protesta messa in atto dagli infermieri siciliani contro le linee regionali per la rideterminazione degli organici infermieristici. Ieri, 10 giugno, il coordinamento regionale Ipasvi è stato audito in VI Commissione Affari Sociali e Sanitari. “La delegazione Ipasvi – riferisce una nota del coordinamento – ha avuto modo di confrontarsi con i parlamentari presenti e di avere delle risposte dall’assessore Borsellino invitata all’audizione.

E’ stato ribadito che purtroppo la regione Sicilia non ha investito sulla risorsa infermiere e difatti, come è noto, risulta tra le regioni più povere quanto a risorse infermieristiche, avendo la stessa investito in modo irrisorio su tale risorsa nella gestione economica organizzativa del suo SSR collocandosi agli ultimi posti in Italia con un rapporto di 3.9 infermieri per mille abitanti, contro 8 per mille del Veneto e 12 per mille dei paesi OCSE, per contro registriamo 2.600 disoccupati”.

Gli infermieri hanno quindi ribadito “l’impossibilità ad evadere la domanda di assistenza dei cittadini, da parte del personale infermieristico, a causa della sempre più insufficiente dotazione organica conseguenziale alla mancata sostituzione dei decessi, delle gravidanze, delle aspettative ecc.; considerata l’apertura di nuove U.O. e servizi quali: SUAP, RSA, PTA, Hospice e ambulatori infermieristici e il potenziamento dei centri hub rispetto agli spoke”. In tutti questi casi, denuncia infatti il Coordinamento, “il personale infermieristico che ha permesso l’incremento o l’apertura di dette strutture è stato sottratto dalle corsie ospedaliere determinando ulteriori carenze negli organici. Il tutto è dimostrato dallo sforamento del badget dello straordinario con la reperibilità utilizzata per sopperire all’ordinario e il cumulo di ferie pregresse”. Alla Commissione il coordinamento ha poi chiesto di “attenzionare il mancato inserimento dell’infermiere pediatrico nelle dotazioni organiche e di favorirne gli sbocchi occupazionali a vantaggio dei cittadini utenti” e denunciato “l’attuale utilizzo di personale non qualificato, con contratto di operaio, che vicaria il personale di supporto”.

“Con estrema gratitudine – si legge nella nota del coordinamento – sottolineiamo gli interventi dell’assessore On. Lucia Borsellino che ha confermato la volontà di rivalutare, in rialzo, i coefficienti del personale infermieristico e di supporto a seguito del Sit-in organizzato dal Coordinamento Regionale IPASVI il 03 giugno scorso dinanzi all’Assessorato della Salute ed, inoltre, ha condiviso la nostra richiesta in merito all’adeguata considerazione del professionista infermiere, definendola figura nodale, e all’ulteriore investimento che si propone sia sul nuovo assetto organizzativo dei nosocomi che del territorio. In merito al personale di supporto ritiene indispensabile diversificare le competenze per ottimizzarne l’organizzazione. Sottolineiamo, con estrema gratitudine, gli interventi dei parlamentari On.li Nino Oddo e Stefano Zito i quali a supporto delle istanze dell’Ipasvi il primo ha manifestato  particolare sensibilità nel prendersi carico delle problematiche che affliggono la professione infermieristica come più volte ha rimarcato di essere intervenuto nei confronti dell’assessorato per velocizzare le istanze in itinere per superare l’impasse sulla carenza del personale infermieristico ed OSS; il Vice Presidente della commissione Sanità, Zito, ha riaffermato l’impegno nei confronti della professione infermieristica testimoniata da un disegno di legge presentato dal Suo movimento per acclarare la necessità strategica di puntare ad una organizzazione dell’assistenza infermieristica a partire da un servizio infermieristico che parta dall’assessorato e abbia una visione gestionale completa in ambito: ospedaliero, territoriale e formativo con un ulteriore riferimento all’inserimento dell’infermiere di famiglia nella presa in carico degli assistiti al proprio domicilio”.

La nota “dolente” dell’incontro, per il Coordinamento, è stata in riferimento alla richiesta di un intervento urgente per la criticità ferie estive. “L’On. Fontana ha asserito che gli interventi sono diversificati per singola ASP e che la responsabilità nella loro autonomia è dei Direttori Generali”.

fonte:

Quotidiano sanita.it

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione