“Oggi persiste uno stress del sistema, perché bastano pochi casi in più per riattivare organizzazioni difficili e complesse”

Le notizie di nuovi focolai qua e là nel Paese, legati anche ad arrivi di viaggiatori da Nazioni in questo momento investite dal contagio in misura molto marcata; la netta sensazione che per tanti cittadini l’emergenza Covid sia completamente superata, se non proprio ”mai avvenuta realmente”, quando così non è (perlomeno leggendo i social, siamo di fronte in parecchi casi ad una percezione piuttosto distorta dei fatti); il progressivo allentamento di abitudini che sarebbe bene conservare sempre e comunque, in quanto regole di igiene generale (lavaggio mani e distanziamento in certe situazioni critiche) portano molta preoccupazione anche nella nostra comunità professionale.

In particolare vogliamo ricordare che il sistema sanitario ha dovuto affrontare l’emergenza della pandemia da Covid partendo da una condizione di difficoltà, per la vecchia, annosa questione delle dotazioni organiche mai adeguate alle vere necessità, e questo già in condizioni standard.

Questa nota non intende affrontare le questioni cliniche, ma quelle organizzative e di programmazione, di fronte a un qualcosa che è di difficile previsione e di complessa pianificazione: serviranno, se e quando, nuove ”squadre” di professionisti sanitari, e di altro personale, per affrontare altre situazioni di crisi?

Oggi, se arriviamo ad una qualche nuova necessità, anche in misura ridotta rispetto alla crisi acuta di inizio marzo (chiaramente, noi speriamo non si verifichi) , non c’è più in pratica nessun infermiere a disposizione sul ”mercato del lavoro” per rinforzare le strutture e l’assistenza professionale: perché se è vero che durante l’emergenza sono state attivate procedure di assunzione straordinarie, ed il contributo dei colleghi assunti come interinali o libero professionisti è stato ed è importante e prezioso, oggi non ci sono infermieri disponibili ”su piazza” almeno fino alle prossime lauree autunnali: lo vediamo quando le strutture private della zona chiedono personale, da assumere anche stabilmente, e praticamente nessuno risponde a questi appelli.

Ma allo stesso tempo, oggi persiste -e molto marcato- uno stress del sistema, perché bastano pochi casi in più per riattivare organizzazioni difficili e complesse: in realtà, un aiuto prezioso è quello che potrebbe derivare dallo scorrimento delle graduatorie dei concorsi regionali liguri del 2017, occasione per poter disporre di professionisti sanitari assunti in forma stabile: si tratta di graduatorie che, salvo possibili disposizioni diverse, si stanno avviando alla loro naturale scadenza triennale.

Dunque appare strategico scorrere queste graduatorie in forma prioritaria, in attesa di sapere se saranno prorogate, o se verrà attivata una nuova selezione concorsuale: ancora una volta – proprio come dovrebbe avvenire in Sanità, su quelle patologie e complicanze prevenibili- anticipare il controllo delle situazioni critiche, dove è possibile, è vantaggioso per tutti: cittadini, sistema, operatori.

Fonte gazzetta del mezzogiorno

The following two tabs change content below.
alfio stiro
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu
Studio su Lancet:è matematico, diminuendo il numero degli infermieri nei reparti aumentano i morti.

Studio su Lancet:è matematico, diminuendo il numero degli infermieri nei reparti aumentano i morti.

  Un ampio studio su Lancet condotto in Australia suggerisce che il rapporto minimo di un infermiere ogni 4 pazienti (l’Italia ...

Continua a leggere

Fondi Covid per il personale sanitario, Cisl Fp: “Pronti alla protesta”

Fondi Covid per il personale sanitario, Cisl Fp: “Pronti alla protesta”

                Tutto il personale sanitario e’ stato in prima linea nella fase più acuta della pandemia e, ancora oggi, affronta giornalmente ...

Continua a leggere

Le Aziende sanitarie, in relazione al proprio assetto organizzativo e compatibilmente con le risorse disponibili, possono istituire mense di servizio o, in alternativa, garantire l'esercizio del diritto di mensa con modalità sostitutive (buoni pasto).

                Ai Direttori Generali A.O. Cannizzaro ARNAS Garibaldi A.O.U. Policlinico - Vittorio Emanuale ASP Catania Oggetto: Corte di Cassazione Sentenza 01/03/2021 ...

Continua a leggere

Infermieri demansionati a Catania:azienda ospedaliera condannata a pagare maxi risarcimento per dequalificazione.

Infermieri demansionati a Catania:azienda ospedaliera condannata a pagare maxi risarcimento per dequalificazione.

            Gli infermieri che svolgono le attivita’ proprie degli operatori di supporto subiscono un demansionamento e vanno risarciti. E’ quanto ha ...

Continua a leggere

42mila euro per l'auto blu del presidente dell'ordine degli infermieri.

              Grazie a Nurse Times la FNOPI apre le porte "di casa" C’è voluta una puntura di spillo per far scoppiare la ...

Continua a leggere

Se al posto del Nobel al personale sanitario dessimo uno stipendio migliore?

Se al posto del Nobel al personale sanitario dessimo uno stipendio migliore?

              L’impressione è che il premio per la Pace sia diventato negli anni una delle lavatrici dove inserire le coscienze sporche. È ...

Continua a leggere

Sanità e precariato, Cisl: Adesso garantire stabilità

              Danilo Sottile, segretario generale della Cisl Fp Catania, sottolinea il rischio che a fronte del grande contributo dato durante l'emergenza ...

Continua a leggere

Sileri, Delibera Oss:va oltre le previsioni dell’accordo Stato-Regioni del 16 gennaio 2003,

Sileri, Delibera Oss:va oltre le previsioni dell’accordo Stato-Regioni del 16 gennaio 2003,

            La delibera 305/2021 del Veneto va oltre le previsioni dell’accordo Stato-Regioni del 16 gennaio 2003, al quale è necessario uniformarsi, ...

Continua a leggere

Danilo Sottile il nuovo segretario della Cisl Catania.

  Questo il ruolo della Cisl FP Catania per il suo segretario Danilo Sottile, durante la riunione del consiglio esecutivo svoltasi ...

Continua a leggere

Dl Covid : Cgil Cisl Uil Fp, bonus baby sitter a professioni sanitarie e socio sanitarie

            Roma, 18 marzo – “Riconoscere urgentemente il bonus baby sitter a tutto il personale delle attività sanitarie, socio sanitarie e ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione