La professoressa Ilaria Capua, direttrice del dipartimento dell’Emerging Pathogens Institute dell’Università della Florida, risponde alle parole di Zangrillo, per il quale il Coronavirus “è clinicamente morto”. Secondo l’esperta, il “virus non è cambiato, ma noi abbiamo imparato a proteggerci e siamo diventati bravi a gestirlo”.

La virologa è intervenuta sul dibattito nata dalle parole del professor Alberto Zangrillo, direttore della terapia intensiva del San Raffaele di Milano, secondo il quale il “Coronavirus è clinicamente morto”, precisando poi  che “quello che ho detto non è che il virus è scomparso, come maliziosamente qualche testata ha messo nei titoli. Io sono certo che il virus sia ancora tra di noi, però ci sono tanti virus tra di noi”. La ricercatrice , attualmente direttrice del dipartimento dell’Emerging Pathogens Institute dell’Università della Florida, ha spiegato che in effetti “il virus non è cambiato, ma noi abbiamo imparato a proteggerci”. Lo ha detto in collegamento a Non è un Paese per Giovani, su Rai Radio 2, aggiungendo che “clinicamente non si riferisce al virus ma a noi, che siamo diventati bravi a gestirlo”.

L’esperta, che ha sottolineato di seguire il dibattito a “macchia di leopardo”, ha poi ribadito che “non è il virus che è cambiato, ma siamo noi che abbiamo imparato a difenderci. Noi adesso abbiamo una malattia che sappiamo curare, perché cinque mesi fa non era così. Abbiamo messo in piedi un sistema di controlli e un’attenzione precoce ai pazienti più esposti, inoltre abbiamo capito quali sono le categorie più fragili. Il fatto che clinicamente l’infezione sia scomparsa è quello che diciamo da tempo. Noi dobbiamo arrivare non a bloccare la circolazione del virus perché questo è impossibile, ma appiattendo la curva, tenendo le mani pulite e mantenendo il distanziamento fisico, abbiamo fatto in modo che il virus infettasse sempre meno persone e anche se queste diventano gravi, si sa trattarle. Siamo noi che siamo diventati bravi a gestirlo”.

Sulla questione nei giorni scorsi erano intervenuti anche alcuni esponenti del comitato tecnico-scientifico che affianca il governo nella gestione dell’emergenza Coronavirus nel nostro Paese. Non solo Franco Locatelli, presidente del Consiglio Superiore della Sanità, ma perplessità è stata espressa anche da Luca Richeldi, ordinario di Malattie dell’Apparato Respiratorio dell’Università Cattolica del Sacro Cuore e presidente società italiana pneumologia. “Questa è una situazione talmente drammatica e nuova – ha dichiarato – che io credo che le dichiarazioni a effetto andrebbero evitate perché non sappiamo che effetti potrebbero avere. Quello che ha detto il professor Zangrillo è una cosa che è nei numeri e nei dati ormai da settimane, con questo “clinicamente non esiste più” ha fotografato una situazione che è nei fatti da molte settimane ed è quello che si voleva ottenere con le misure di distanziamento, così drastiche e prolungate, che abbiamo avuto. Ma questa frase, estrapolata dal contesto clinico e tecnico, può dire alla persona che non ha queste capacità di interpretazione, che il virus non esiste più, e questo è rischioso”.

 

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione