Riceviamo e pubblichiamo la nota del coordinamento regionale opi Sicilia.

Comunicato stampa – Il Coordinamento degli Ordini delle Professioni infermieristiche della Sicilia dopo una attenta analisi della situazione assistenziale denuncia all’Assessorato e al Parlamento Siciliano le innumerevoli criticità esistenti, da ultimo drammaticamente palesate dall’emergenza COVID e dagli inconsistenti provvedimenti promossi dall’Assessore Ruggero Razza.

Oggi, in video conferenza, i rappresentanti della professione infermieristica si sono incontrati per dibattere sulle ormai croniche criticità assistenziali e per fare il punto sull’emergenza COVID e le fasi successive dell’epidemia.
Tutti i membri hanno concordato sulla necessità che questa fase critica sia gestita in modo proattiva, con il pieno coinvolgimento della figura dell’infermiere e delle sue specifiche competenze.
Ma il quadro è desolante: nonostante gli impegni presi e sottoscritti dall’Assessore Razza nel mese di ottobre 2018 – e, dunque, a quasi due anni da allora – nessuna criticità è stata affrontata a partire dalla necessità assoluta di modificare le linee guida del 2015 sull’attribuzione delle dotazioni organiche.
E sono proprio queste lacune gestionali, ormai endemiche e l’assoluta insufficienza delle dotazioni organiche ad avere messo a fortissimo rischio la tenuta del sistema assistenziale e che hanno visto i professionisti della sanità, a partire dagli infermieri (!), ora definiti eroi, diventare martiri abbandonati a loro stessi, bardati come astronauti ed intenti a svolgere turni massacranti.
È incredibile che, in circostanze come questa, è mancata una direttiva regionale che imponesse un reclutamento con contratto ed è vergognoso che in molte aziende siciliane si sia fatto ricorso al reclutamento a partita iva con compenso orario disonorevole e inqualificabile.
Ora bisogna fare i conti con il presente dell’assistenza sanitaria, cercando di raccoglierne i cocci ma dovendo fare i conti con ulteriori, incredibili, lacune.
E, dunque, nonostante il governo nazionale abbia inserito nel decreto rilancio a pieno titolo gli infermieri nel territorio con l’infermiere di famiglia e di comunità, a livello regionale nulla si è fatto nonostante l’impegno propositivo di questo coordinamento degli Ordini delle professioni infermieristiche.

Un impegno reale e concreto, se si pensa che, già lo scorso anno, con lungimiranza, gli Ordini avevano presentato progetti operativi concreti e contestualizzati con l’obiettivo di farsi carico di gruppi di popolazione e di garantire loro la continuità assistenziale necessaria.
Tutto ciò sarebbe tornato utile, anche nella fase uno dell’epidemia COVID, che purtroppo ha messo a nudo l’inconsistenza delle cure primarie basate esclusivamente sulla obsoleta concezione medicocentrica.
Pare che nessuno comprenda – ed in primo luogo chi ha responsabilità di governo – che i bisogni di salute e assistenza dei cittadini siciliani sono sempre crescenti e ciò malgrado l’emergenza COVID lo abbia palesato ulteriormente!
Le richieste rappresentate in questi anni, con estrema determinazione da parte dei Presidenti degli Ordini Provinciali, necessitano pertanto di un intervento immediato, che non tollera ulteriori rinvii e che deve essere calendarizzato in tempi certi.
L’ordine del giorno, purtroppo, sarà sempre il medesimo:
1. Sicurezza e qualità delle cure;
2. Rimodulazione dei coefficienti di attribuzione del personale, sia nel pubblico che nel privato accreditato;
3. Nuovi modelli assistenziali: Infermiere di famiglia e di Comunità;
I Presidenti OPI, all’unanimità, hanno deciso di promuovere azioni eclatanti a partire dai primi di giugno, qualora il governo regionale non dovesse garantire risposte immediate.

OPI AGRIGENTO Presidente Dott. SALVATORE OCCHIPINTI

OPI CALTANISSETTA Presidente Dott. IVANO FERRARA

OPI CATANIA Presidente Dott. CARMELO SPICA

OPI ENNA Presidente Dott. GIOVANNI DI VENTI

OPI MESSINA Presidente Dott. ANTONINO TRINO

OPI PALERMO Presidente Dott. FRANCO GARGANO

OPI RAGUSA Presidente Dott. GAETANO MONSU’

OPI SIRACUSA Presidente Dott. SEBASTIANO
ZAPPULLA

OPI TRAPANI Presidente Dott. FILIPPO IMPELLIZZERI

Presidente Coordinamento OPI SICILIA
Dott. Sebastiano Zappulla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione