E’ una signora di 67 anni ricoverata in Rianimazione. Preoccupazione anche ai “piani alti” dell’Asp dove si sono registrati due casi sospetti e positivi ai tamponi
Coronavirus, sempre grave donna ricoverata al Cannizzaro di Catania

Restano stazionarie, e comunque purtroppo gravi, le condizioni della donna di 67 anni, positiva al coronavirus, ricoverata da due giorni alla Rianimazione del Cannizzaro. In buone condizioni, invece, i sette pazienti ricoverati nel reparto di Malattie del dott. Carmelo Iacobello che in merito alle cure che si stanno somministrando ai pazienti conferma che si stanno utilizzando farmaci sperimentali già utilizzati in Cina oltre che altre molecole utilizzate per la cura dei malati di Hiv. Iacobello ha spiegato che non è ancora possibile dire se questi farmaci possano realmente funzionare per debellare il Covid-19. «E’ difficile capire se lo stato positivo di salute dei miei pazienti sia dovuto ai farmaci o al sistema immunitario che reagisce. Bisognerà fare uno studio accurato quando finirà l’epidemia». Analoga cura è stata effettuata sul cosiddetto «paziente zero» del Cannizzaro, il primo caso di coronavirus accertato in ospedale, per il quale cinque medici e 8 infermieri dell’Utir sono ancora in isolamento. Si tratta del professore di Agraria con cattedra a Reggio Calabria«, dimesso ieri dal reparto e al momento in isolamento a casa .

Il primaio di Malattie infettive dell’ospedale delle emergenze aggiunge che al momento si sta lavorando «più per tranquillizzare la gente, dando una risposta anche sul piano psicologico. «Abbiamo registrato tanta angoscia e tanta paura nelle persone che si rivolgono a noi, Per fortuna noi ancora siamo in una condizione abbastanza tranquilla e speriamo di restarci» Stenta, invece a riacquistare tranquillità la situazione alla direzione generale dell’Asp dove ieri si sono registrati due casi sospetti e positivi ai tamponi. C’è preoccupazione tra gli impiegati perché i due dipendenti, pur non avendo avuto contatti col pubblico sono andati al lavoro regolarmente sino al momento della comparsa dei sintomi. Da indiscrezioni non confermate si sostiene che le due contagiate siano addette del cosiddetto «sesto piano», quello delle direzioni»
Medici di famiglia, cresce l’allarme.Intanto cresce l’allarme tra i medici di famiglia, soprattutto dopo la triste notizia del decesso del presidente dell’Ordine dei medici di Varese che era un medico di famiglia. Un nutrito gruppo della categoria ha inviato una accorata lettera al Prefetto con la quale chiede l’immediato intervento delle autorità per dotare i medici di famiglia, primi b sul campo, insieme ai medici ospedalieri, al contrasto i della malattia, di mascherine, guanti e tutto il materiale occorrente per affrontare la situazione. Allo stesso tempo i medici chiedono al prefetto di prendere in considerazione l’applicazione di un nuovo codice per l’accesso negli ambulatori. I medici di famiglia, inoltre, sarebbero stati chiamati dalle autorità a monitorare con telefonate di controllo tutti quei cittadini che qualche giorno fa hanno lasciato frettolosamente le regioni rosse del nord, per monitorare se questi stanno osservando regolarmente le disposizioni di quarantena imposte a chi è rientrato.Intanto continua a restare valida la possibilità di utilizzare l’ex palazzina della ex chirurgia d’urgenza del Vittorio Emanuele come struttura di supporto ai malati di Covid. Proseguono i sopralluoghi per consentire anche alla provincia di Catania di dotarsi di un aumento di posti letto. Provvedimenti sarebbero stati presi anche in tutti gli ospedali della provincia che hanno aumentato i posti letto per non trovarsi impreparati qualora i casi dovessero aumentare.

Fonte
La sicilia

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione