Da Quotidiano sanità:
Ecco le cifre per i contratti: alla Sanità serve oltre un miliardo. La legge di Bilancio 2018 dovrà mettere sul piatto atlri 2,3-2,6 miliardi per la Pa
Per raggiungere gli 85 euro medi (senza oneri sociali) previsti dall’accordo con i sindacati di fine 2016, solo alla sanità servono almeno altri 150 milioni che con gli oneri sociali diventano circa 195-200. Tutte le ipotesi per ogni professionista.

25 AGO – A metà ottobre arriva la legge di Bilancio. Che quest’anno è essenziale per il personale del Ssn: sono lì, infatti, dopo oltre sei anni di assenza le risorse per i contratti che l’Aran si appresta a trattare.

Per garantire le risorse necessarie a mantenere gli aumenti medi previsti dall’accordo Governo sindacati di fine 2016 servono in tutto circa 4,7 miliardi che raggiungono i 5 se si aumenta davvero il turn over, ora bloccato. Finora sul piatto ce ne sono 2,4: la legge di bilancio 2018 ne dovrebbe stanziare quindi almeno 2,3 (2,6 turn over compreso) per tutto il personale della Pa.

La metà dei 2,4 miliardi finora stanziati va a sanità, regioni, enti locali e così via e gli aumenti in Sanità con queste risorse raggiungerebbero in media circa 67 euro mensili senza oneri sociali. Per coprire anche questi – che rappresentano di fatto la “spesa” procapite per le aziende-datori di lavoro – servono almeno altri 19,5 euro mensili procapite in più oltre i 67, raggiungendo quindi circa 86,5 euro medi mensili oneri sociali compresi, quindi circa 806 milioni di aumenti.

Per raggiungere gli 85 euro medi (senza oneri sociali) previsti dall’accordo con i sindacati, quindi, solo alla sanità servono almeno altri 150 milioni che con gli oneri sociali diventano circa 195-200 milioni.

Per garantire gli 85 euro mensili medi ai dipendenti della sanità pubblica, al Servizio sanitario nazionale serve quindi, compresi gli oneri sociali, poco più di un miliardo.

Parlando di aumenti medi, al netto degli oneri sociali, di questa somma la quota maggiore, stando alle cifre base che sono quelle del Conto annuale 2015 e se non ci saranno aggiustamenti in corso d’opera a livello di singolo contratto, spetta ai veterinari che nei tre anni incasserebbero un aumento stipendiale medio di 1.802 euro (139 euro mensili), seguiti dai medici con 1.766 euro che corrispondono a un aumento di circa 136 euro mensili.

Nella dirigenza tutti gli altri professionisti – tranne gli odontoiatri a quota 1.724 – sono sotto i 1.700 euro e si va dai 1.682 dei dirigenti amministrativi (129 euro mensili) ai 1.651 dei dirigenti del ruolo tecnico (127 euro mensili).

Il personale non dirigente ha aumenti medi di poco più della metà di quelli della dirigenza (la media è 934 euro annui, 72 mensili), ma anche qui i calcoli sono differenziati rispetto ai singoli profili. Il personale infermieristico è a 76 euro mensili, quello tecnico sanitario e con funzioni riabilitative sono sui 77 euro mensili, mentre il personale di vigilanza e ispezione raggiunge i 79 euro mensili. Questo nel ruolo sanitario.
Le cifre si abbassano nel ruolo amministrativo del personale non dirigente con una media mensile a regime di 65 euro mensili: per il ruolo tecnico sono 62 euro mensili per quello amministrativi 68.

Tutto questo senza contare il turn over ovviamente, particolarmente importante e necessario in sanità: se si dovessero assumere ex novo i medici e gli infermieri richiesti dai sindacati e dalle Federazioni (almeno 6-7000 medici e circa 20mila infermieri solo per coprire i turni di lavoro previsti dalla normativa Ue recepita dall’Italia), la sanità dovrebbe più che raddoppiare la posta degli aumenti e di miliardi ne servirebbero 2,5 circa.

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione