Da AssoCare.it
Alfredo Sepe fa lo sciopero della fame: “basta Infermieri detenuti contro la loro volontà nelle aziende sanitarie, permettere ai colleghi di tornare a casa,
“Gli Infermieri del SUD vengono detenuti contro la loro volontà in Emilia Romagna e in tutto il Nord d’Italia”. Lo ha dichiarato Alfredo Sepe, Infermiere presso l’Ospedale “Sant’Orsola – Malpighi” di Bologna e segretario provinciale della FIALS. Alfredo ha iniziato da qualche giorno lo sciopero della sete e della fame.

Il suo intento è quello di smuovere le coscienze e di far parlare finalmente sui nulla osta non dati per Mobilità vinte.
Il problema riguarda migliaia e migliaia di Infermieri Italiani che cercano di tornare a casa, non solo dal Nord al Sud, ma anche dalle Isole nei luoghi di provenienza e viceversa. Tantissimi sono anche i colleghi che dal Centro, dal Sud e dalle Isole maggiori si vogliono trasferire in altre sedi per motivi di famiglia e per scelte d’amore.
Alfredo, che interpreta le necessità di tantissimi colleghi schiavi delle aziende in cui lavorano, non ce la fa più ed ha inscenato questa singolare protesta a Bologna (dove attualmente ci sono circa 40° avvertiti) per dire basta al vergognoso silenzio che si cela dietro questo “prigionia impropria”.
Parlare di detenzione non è errato, soprattutto perché a tanti infermieri viene negato il diritto a ricongiungersi ai propri cari, ai propri figli, al proprio partner, alla propria famiglia, alla propria comunità d’origine. Girando per i blog infermieristici, nei gruppi e sulle pagine Facebook si trovano centinai se non migliaia di annunci di Infermieri che vogliono tornare a casa e che oramai non ce la fanno più a resistere. Lavorano male, sono stressati, operano contro voglia e di fatto sono un danno per una sanità italiana che vuole offrire più qualità, efficacia ed efficienza.

Quello del “ritorno a casa” è un problema che deve essere fatto proprio dalla Federazione Nazionale dei Collegi Ipasvi, dai Collegi infermieristici provinciali e dalle Organizzazioni sindacali. Ci sono migliaia di colleghi insofferenti, sfruttati, sottopagati e delusi da una professione che li costringe al demansionamento e alla carceri.

Alfredo, originario della Campania, da 10 anni a Bologna, ha girato un video e lo ha diffuso sul suo profilo Facebook. Nel suo appello si è presentato ammanettato, per dare l’idea reale di ciò che succede nelle aziende. Queste ultime non possono o non vogliono rilasciare i nulla osta, oberati da troppe assenze, da carenze croniche di personale e da Leggi nazionali e regionali che non aiutano chi vuole trasferirsi.

A Bologna, per esempio, come ricorda Sepe: “ci vogliono sequestrare, ci vogliono tenere prigionieri, le aziende sanitarie del Bolognese danno il nulla osta ma solo per 7-11 mesi”. Sembra ridicolo, ma è la pura realtà.

“Così si sfuma la possibilità per le persone che hanno una famiglia, che hanno dei figli, che hanno dei genitori disabili di tornare a casa”.

All’appello di Alfredo Sepe si aggiunge quello di AssoCare.it che invita la presidente della Federazione Ipasvi, Barbara Mangiacavalli, a dare voce a questi Infermieri che soffrono. Lo stesso appello lo si rivolge alla senatrice Annalisa Silvestro (PD), membro del Comitato Centrale Ipasvi e ai Collegi infermieristici di Bologna e dell’Emilia Romagna.

Infermieri prigionieri si contano non solo in Emilia Romagna, ma anche in Lombardia, in Liguria, in Toscana, nel Veneto, nelle Marche e nelle regioni minori del Nord. Molti, anche in numero più ridotto, sono quelli che dalle Isole vogliono tornare a casa (vale anche il contrario) e dal Sud vogliono salire al Centro o al Nord dell’Italia “socialmente disumana”.
AssoCare.it continuerà a parlare dell’argomento e ad ascoltare i colleghi che non riescono a trovare una soluzione e a riconquistare la dignità di essere umani!

E si, perché qui in gioco non sono tanto i trasferimenti, quanto la libertà delle persone di amare e di realizzarsi nei luoghi dove sono nati e/o con le persone a cui vogliono bene.

Alfio Stiro

NurseNews.eu

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione