Si è svolta regolarmente giovedì 8 giugno il sit-in organizzato dalla UIL FPL AGRIGENTO dove hanno partecipato numerosi lavoratori dipendenti tra dirigenza e comparto dell’ASP 1 AG, nonché cittadini che hanno voluto dimostrare la propria solidarietà e interesse su temi che riguardano il diritto al lavoro , dei lavoratori e della salute di tutta la comunità agrigento.

Un momento di protesta convocato nelle settimane scorse e che, per il  segretario Fabrizio Danile non ha perso la propria valenza nonostante il giorno prima un comunicato stampa dell’azienda sanitaria provinciale di Agrigento comunicava le proroghe dei contratti a tempo determinato in scadenza il 30 giugno 2017.

” La regione ci ha abbandonato ha detto il segretario provinciale UIL FPL Fabrizio Danile- non ci ha messo nelle condizioni di avere delle garanzie in termini di servizi alla collettività.

Solo ieri, il giorno prima del sit-in abbiamo appreso dalla direzione generale che ha dato mandato di provvedere al rinnovo dei contratti a tempo determinato fino al 31 dicembre, azione che rivendichiamo da tempo, ma ancora non c’é il la delibera ufficiale”.

Sul tavolo tra gli altri punti c’erano la nuova rete ospedaliera e la situazione della dotazione organica, la progressione economica orizzontale dei lavoratori, il sistema delle indennità per la produttività, la rideterminazione delle strutture semplici e delle posizioni organizzative ma, soprattutto le condizioni lavorative del personale nei vari presidi ospedalieri dell’ASP 1 agrigento.

” Abbiamo deciso comunque di manifestare- ha spiegato Danile- perché le questioni che riteniamo debbano essere poste con urgenza non si limitano purtroppo solo alla proroga dei contratti di lavoro. In particolare continua – un obiettivo importante rimane per noi la verifica delle condizioni di lavoro e di cura nei presidi ospedalieri della nostra provincia – nelle prossime settimane dobbiamo fare chiarezza su quanto accade.”

” Rivendichiamo un diritto che spesso viene dimenticato- ha dichiarato Gera Cosentino , dirigente sindacale UIL FPL responsabile dei precari della provincia-

Siamo contenti della proroga, l’Asp si è dimostrata sensibile rispetto alla nostra condizione che persiste per alcuni di noi, da 20 anni.

È straziante essere precari, noi siamo stati costretti questo mese a prendere le ferie per fine incarico e saremo a luglio e agosto all’interno degli ospedali. Il rinnovo dei contratti non garantisce certezze. Noi vorremmo che sì normalizasse prima possibile questa situazione “.

” Il sit-in è stato organizzato per dare voce a tutti i lavoratori dipendenti della nostra azienda sanitaria provinciale – sottolinea Angelo Amato dirigente sindacale UIL FPL comparto sanità responsabile provinciale dell’aria servizi per gli iscritti e della  formazione .

Grazie a  questo sit-in finalmente la direzione generale ieri, è uscita con un comunicato stampa per il rinnovo dei contratti del personale sanitario a tempo determinato fino al 31 dicembre 2017.

Questo è solo il primo step ,  in quanto noi chiediamo che vengano avviate le procedure di stabilizzazione di questi professionisti della salute che da anni soffrono lo stato di precariato.

Altro tema importante è il demansionamento un diritto negato ad essere professionisti della salute.

Chiediamo, lo sblocco delle ASSUNZIONI e il rispetto dei LEA.

“Cittadini insoddisfatti , LEA non garantiti , queste le analisi di Eurostat e Gimbe”.

Rispettare i LEA per una risposta sanitaria efficiente ed efficace, per dare lavoro a chi aspetta da anni e non massacrare di stress psico-fisico da lavoro correlato i pochi sanitari in turno, per evitare l’aumento del rischio clinico.

La colpa non è assolutamente nostra ma di chi ci costringe a sopperire nostro malgrado alle  emergenze d’organico, una situazione ormai cronica​.

Inoltre , stress,  affaticamento, e frustrazioni prolungate possono costituire una vera e propria bomba ad orologeria- una spirale di disagio che può condurre ad un cortocircuito psicologico definito “BURNOUT ”

È certo , che se manca personale sanitario come medici, Infermieri, e figure alternative come gli OSS, non possiamo erogare salute, quindi se noi siamo qua è per il diritto al lavoro, i diritti dei lavoratori e della comunità agrigentina , per chiedere dignità al diritto alla salute.

Ci siano date risposte conclude- il sindacalista Amato Angelo- sulle garanzie previste per i lavoratori e sulla tutela dei diritti alla salute”.

 

The following two tabs change content below.
Infermiere dal 1991, diploma di educatore dell'infanzia. Esperienza lavorativa : terapia intensiva post operatoria del civico di Modena. Neurorianimazione, villa Sofia di Palermo. Rianimazione e pronto soccorso ospedale Vittorio Emanuele di Gela Rianimazione è pronto soccorso ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento. Servizio 118 presso CH. 4 San Cataldo ( CL). Vari corsi formativi soprattutto sulle emergenze Intra e extraospedale. ACLS- BLSD - POLITRAUMA- VALUTARE INFERMIERISTICA IN PZ CRITICO- RETE IMA REGIONALE. RESPONSABILE FORMAZIONE PROVINCIALE ASP AGRIGENTO COME DIRIGENTE SINDACALE CISL FP MEMBRO DIRETTIVO REGIONALE CNPS CISL FP DOCENTE SCUOLA FORMAZIONE ERAP ISTRUTTORE BLS D

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione