FaAApprovato oggi in Conferenza Stato-Regioni l’accordo sulla “Determinazione del fabbisogno per l’AA 2017-18 dei laureati magistrali a ciclo unico, dei laureati delle professioni sanitarie e dei laureati magistrali delle professioni sanitarie”. A integrazione e aggiornamento della precedente proposta del 15 maggio, martedì 23 il Ministero della Salute ha trasmesso la nuova proposta, recependo le istanze formulate lunedì 22 dalla Commissione Salute delle Regioni.

Oltre alla puntualizzazione sulla procedura seguita, ovvero “di un esame congiunto effettuato alla luce di valutazioni di ordine tecnico in sede istruttoria con le Regioni e le Province autonome”, il nuovo dossier è stato completato con l’aggiunta di alcune tabelle (A e B) che mancavano rispetto alle proposte dettagliate di ogni Regione e per ogni professione.
Resta la perplessità sulla mancata indicazione della somma totale per ogni Professione, anche perché in alcuni casi non corrisponde ai dati totali delle tabelle generali 1 e 2, che si riferiscono alle integrazioni in positivo e in negativo apportate dal Ministero della Salute già nella prima proposta del 15 maggio.
Ad esempio per Medici, somma Regioni 10.568 e totale Ministero Salute con 8.700 (-1.868); Odontoiatri, somma Regioni 1.054 e totale Ministero 850 (-204); Veterinari 492 delle Regioni e 520 del Ministero (+28); Farmacisti 896 delle Regioni e 448 del Ministero (-448).
Analoga situazione riguarda la metà delle 22 le Professioni Sanitarie ad esempio su Ostetrica da 719 della somma Regioni a totale a 672 (-47) del Ministero della Salute; Infermiere Pediatrico da 322 delle Regioni al 198 totale del Ministero (-124); per Dietista 340 delle Regioni rispetto a 410 (-70) del Ministero della Salute.
Va precisato che – ovviamente – pur non trattandosi di errori di calcolo, la cancellazione della riga con i totali crea tuttavia dubbi e perplessità. E, in ogni caso, va detto che è davvero esigua la differenza totale fra le proposte delle Regioni e quella del Ministero della Salute, con appena -292 (-1,2%).

Altro aspetto positivo è che è stata aggiunta anche la tabella A con i dati totali sulle proposte delle varie Categorie; in totale 30, di cui 22 per le Professioni sanitarie. Ma anche in questo caso mancano i dati dettagliati per Regione su ognuna delle 22 Professioni sanitarie. È una tabella di grande utilità sia per favorire una valutazione globale e adeguata delle varie proposte che ai fini della ripartizione dei posti da parte del Ministero dell’Università ai vari Atenei, che dovrebbe avvenire entro un mese, in modo che ai primi di luglio le Università possano indirei bandi di ammissione. È molto probabile una riduzione dei posti rispetto ai 25.205 posti dello scorso anno.

Rispetto alla proposta delle Regioni per 23.844 posti si rileva una riduzione di 2.095, pari al – 8,1% rispetto ai 25.995 dello scorso anno. Analoga riduzione viene anche dall’insieme delle 22 Professioni, da 30.694 a 29.282 con 1.412 in meno, pari al -4,6%, quindi in proporzioni minori. Lo scorso anno i posti a bando da parte delle Università sono stati 25.205, di poco inferiori ai 25.939 delle Regioni (-3%), ma decisamente meno dei 30.694 chiesti dalla Professioni, con differenza di – 5.489 (-18%).
Di questi, la carenza è in prevalenza su Infermieristica con i 19.285 chiesti dalla Federazione IPASVI e 14.958 dell’Università determinando una carenza di -4.327 (-22%).
Regioni, chi sale e chi scende
Rispetto alla riduzione dai 25.995 dello scorso anno agli attuali 23.844 incidono in particolare: Abruzzo da 870 a 288 (-67%), Molise da 300 a 141 (-53%), Basilicata da 224 a 145 (-35%), Lazio da 3.546 a 2.633 con -913 (-26%), Emilia Romagna da 2.557 a 2.257 (-12%) e Toscana da 1.659 a 1.459, concentrate in particolare su Infermieristica. A seguire, con il -7% Campania e Marche, e con -4% Piemonte e Liguria.
Mentre, al contrario aumentano Calabria da 540 a 775 (+44%) e Umbria da 351 a 484 (+38%), seguite da Friuli (+9%) e Trentino (+5%).
Resta invece stabile la Lombardia a 4.897 (0%), o quasi stabili il Veneto a 1.860 (-2%), la Puglia a 1.545 (+1%) e la Sicilia a 1.155 (-1%).
Professioni
La riduzione delle Regioni è stata fatta sulla maggioranza delle 22 Professioni, ben 16, con altre 2 invariate (Tecnici laboratorio e Prevenzione), e solo 4 con aumento: Educatore +7,1%; Tecnico Ortopedico +8,3%; Infermiere Pediatrico +14% e Dietista + 20%.
Le riduzioni maggiori riguardano Podologo -47%; Terapista Occupazionale -32%; Assistente Sanitario – 24% e a seguire altre 11 professioni fra cui Fisioterapista -11% e Infermiere -9%; Logopedista, Ostetrica e Tecnico Radiologia -3%; Igienista Dentale -1,2%.

Fonte il sole 24 ore sanità.it

Alfio Stiro

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione