Nurse, Student, Education.

Nurse, Student, Education.

Di Annalisa Silvestro.
Sembra impossibile ma invece é proprio così.
Uno si chiede da dove derivi tanto oscurantismo e un continuo contrasto, senza alcun aggancio giuridico, professionale ed epistemologico alla ridefinizione, da una parte, delle modalità di risposta ai bisogni sanitari e sociosanitari che emergono in modo sempre più forte ed evidente dalla collettività nazionale, dall’altra al ridisegno dei rapporti e delle relazioni tra le professioni sanitarie, portatrici ognuna di contenuti disciplinari peculiari e di approcci e metodologie diverse ma complementari per il comune e dichiarato obiettivo: riportare la persona accolta ed assistita alla migliore situazione e alla maggiore autonomia e benessere personale e sociale possibile.


Dalla fine degli anni ’90 ai primi anni di questo secolo si sono succeduti tanti accadimenti, frutto dell’impegno e della volontà di strutturare, qualificare e professionalizzare l’infermieristica, perché fosse sempre più capace di farsi carico dei bisogni espressi ed inespressi dei cittadini e delle persone assistite; perché si rendesse partner qualificato, solido e competente per valutare, capire, agire ed interagire nelle diverse situazioni ed in team orientati e impegnati a prevenire, curare, riabilitare, insegnare, educare, sostenere.
Un impegno manifestato con passione, validato da evidenze, norme giuridiche e leggi approvate per ritenuta necessità o su spinta di specifiche direttive europee. Un impegno che dà riscontri importanti e risultati oggettivi riconosciuti non solo dai decisori del Sistema salute, ma anche dai cittadini e dalle loro rappresentanze associative.
Un impegno e una disponibilità anche deontologica, che ha permesso di continuare a costruire risposte, fornire prestazioni, forgiare nuove capacità e competenze nonostante le numerose difficoltà, le risorse contenute e alle volte razionate, le resistenze di alcuni e l’ignavia di molti verso la sana richiesta dell’intera categoria infermieristica di avere un riscontro economico e professionale per quanto costantemente profuso scientificamente, tecnicamente e umanamente.
Invece no! Sono interessanti a tal proposito le ultime posizioni contenute nel “piccato” parere dell’Ordine dei medici di Bologna sull’atto deliberativo della regione Emilia Romagna: “Case della salute: indicazioni per il coordinamento e lo sviluppo delle comunità dei professionisti e della medicina di iniziativa”.
Posizioni solo di alcuni medici ? Può essere ed è sperabile. Alcuni medici che però, ed è utile ricordarlo, rappresentano, in quanto inseriti nel direttivo di un Ordine, altre centinaia di medici che con il loro tacere e nel continuo e assordante silenzio di tanti altri, confermano quelle posizioni.
Alcuni passaggi:
“… dentro la casa della salute viene tolta (al medico) la funzione di filtro e di orientamento che vengono di fatto affidate ad un infermiere che accoglie ed indirizza il paziente verso il SSN . Chi è il responsabile alla fine di tutto il percorso ?”. Io sinceramente non capisco quale e dove sia la questione. Il responsabile del percorso sarà l’infermiere, ovviamente ! È forse questo il problema ?
“… gli infermieri hanno gli strumenti per capire la gravità della condizione clinica di un paziente nella sua totalità (grazie! e dunque, per adesso gli infermieri impegnati nel triage, fast track, see & treat ecc… sono fatti salvi …), ma per la specificità del bisogno sanitario è necessaria la valutazione medica”. La specificità del bisogno sanitario? Forse gli estensori del parere hanno mutuato il termine “bisogno” ma pare che non ne abbiano ben compreso il significato.
E ancora:
“… si parla tanto di appropriatezza …. come si farà a chiedere e valutare l’appropriatezza su percorsi chiesti dall’infermiere ?”. … E qui uno trasecola. Evidentemente non si sa che ci sono oceani di riscontri documentali, sitografici e tanto altro in merito.
E comunque si afferma, apoditticamente, “… la responsabilità medica è trascurata” ….. ed … essendo le Case della salute strutture sanitarie, “manca il direttore sanitario”.
Che dire. A proposito di responsabilità del medico e dell’infermiere si potrebbe ragionare tanto, anche alla luce di numerose e recenti sentenze. A proposito del direttore sanitario: forse sarebbe opportuno un ripasso delle norme che riguardano ruoli e responsabilità professionali nelle organizzazioni sanitarie.
I tempi ritenuti splendidi sono, evidentemente, quelli della legge Mariotti del 1968, visto che si lamenta con sofferenza e a prescindere, che “… si affida ad un responsabile non medico la sintesi delle varie attività che vi vengono svolte” e si delinea “una subordinazione istituzionale del medico stesso al coordinatore infermieristico” . Si, perchè gli infermieri possono anche essere capaci, ma infine sono pur sempre dei “non medici” che devono, di default, essere subordinati, operare in presenza, oppure sotto indicazione e supervisione del medico. Eppure il mansionario è stato abrogato ben 17 anni fa e non si tratta di processo diagnostico e prescrizione terapeutica ma, ed è evidente, di ben altro.
E penso, con serena comprensione, a coloro che nulla dicono di tutto questo, ma si affannano ed arrabattano per sostenere che ci sono alcuni infermieri che vogliono la guerra contro i medici. Penso a coloro che continuano oniricamente a dire, contro ogni evidenza, che nulla è stato fatto, negli anni scorsi e negli anni da poco conclusi dagli infermieri per l’infermieristica. A coloro che sostengono che alcuni infermieri riscrivono il loro codice deontologico senza sapere nulla di infermieristica e di etica e deontologia ….. Perbacco, non hanno inserito nell’articolato il termine “autonomia”. A coloro che si sgolano per convincere ( chi ?) che il comma 566 è una sconfitta degli infermieri, ma contemporaneamente continuano, nell’ombra, a tentare di cancellarlo o almeno di emendarlo. A coloro che, infine, nulla dicono su chi brandisce la deontologia come un’ascia, calpestandola nei suoi profondi significati e pretendendo che le proprie norme deontologiche, tirate come elastici, misconoscano le leggi dello Stato e possano andare oltre ogni buon senso.
Sembra impossibile ma invece é proprio così; però si continua a dire che ci sono alcuni infermieri che non vogliono il dialogo ma a tutti i costi la guerra !
Il Presidente Ipasvi di Bologna a tal proposito e fra le tante altre cose, scrive: ” ….. da una parte si invita al dialogo, dall’altra veniamo definiti con una negazione. Noi non siamo ‘non medici’, noi siamo infermieri orgogliosi di esserlo. Il dialogo, ammesso che lo si voglia davvero, presuppone rispetto, e questo noi lo pretendiamo.”.
Come non essere d’accordo!

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione