medico

 

10 agosto 2016 figlio non respira più, devo portarlo all’ospedale più vicino. Mi dica subito dove si trova». Forse, la corsa disperata al pronto soccorso non avrebbe salvato la vita a un bambino pesarese di 3 anni in viaggio con la famiglia verso il sud Italia. Ieri mattina, mentre si trovava in A14, all’altezza di Senigallia, rischiava di soffocare per una caramella rimasta incastrata in gola. Non c’era tempo da perdere. Aspettare un secondo in più e magari sfidare la sorte per arrivare al casello e raggiungere l’ospedale poteva essere fatale.


La telefonata
E così, quando ha sentito alla cornetta del centralino del 118 le parole terrorizzate del padre del bimbo, l’infermiere Sandro Mangiacristiani non ha avuto dubbi su come dover procedere. Neanche un attimo di esitazione. Ha immediatamente fatto fermare l’auto dove viaggiava il bambino e assistito passo dopo passo il genitore nella manovra di Heimlich. Una telefonata di pochi minuti che ha salvato la vita del piccolino e trasformato l’infermiere in un angelo durante una mattinata che per la famigliola pesarese si è tinta di nero.

Il racconto
«Erano le 12.15 – racconta Mangiacristiani – quando ho ricevuto la chiamata di un papà molto agitato. Aveva appena superato il casello di Senigallia e mi ha chiesto quale fosse il pronto soccorso più vicino senza dirmi cosa era successo. Quando glielo ho domandato, mi ha riferito che suo figlio di 3 anni non respirava più». Seduto sul sedile posteriore, aveva mangiato una caramella per ingannare la noia della strada da percorrere. Mai i genitori potevano pensare che un innocuo confetto gommoso potessi trasformarsi in un trappola mortale. Per qualche minuto, il viaggio ha assunto i contorni della tragedia. Eppure, quella di ieri era cominciata come una giornata di festa. Le urla disperate della coppia e lo smarrimento derivato dall’impotenza del non saper cosa fare sono stati interrotti dalla voce calma e rassicurante di Mangiacristiani.
La procedura
«Ho detto al padre – continua l’infermiere – di accostare subito l’auto e mettere le quattro frecce. Poi, ho pensato alla manovra di Heimlich. Seduto sul sedile con i piedi rivolti fuori dalla vettura, il genitore ha messo la pancia del bimbo contro le proprie gambe in maniera tale da fare pressione. Ha dato due o tre colpetti contro la schiena e il piccolo ha finalmente potuto espellere la caramella». Nel frattempo, l’operatore aveva fatto convogliare in autostrada l’automedica partita dall’ospedale di Senigallia. Ma del ricovero non c’è stato alcun bisogno. Il momento più bello per Mangiacristiani? «Quando ho sentito il bimbo piangere. Significa che stava bene ed era tornato a respirare. Appena si è ripreso ha chiesto di tornare a casa». La richiesta più spontanea possibile dopo attimi di vero terrore. Quella che deve aver alleggerito un po’ il clima di apprensione creatosi all’interno dell’abitacolo. Passata la paura, i ringraziamenti e le lacrime di felicità dei genitori: «Il padre non riusciva a smettere di dire grazie».
L’angelo dell’elisoccorso.
La notte dello scorso Natale riuscì a liberare dal rigurgito un bimbo albanese di pochi giorni istruendo telefonicamente il padre. Non con poca difficoltà, dato che lo straniero parlava a malapena la lingua italiana. Ironia della sorte, il bimbo salvato otto mesi fa risiede a Senigallia, proprio la città dove ieri è avvenuto l’ennesimo miracoloso intervento. «Dopo simili salvataggi, ti senti utile – afferma l’infermiere -. Pensi sempre di dover effettuare un soccorso per strada e mai al telefono. Ma quando aiuti qualcuno, stai bene. Magari sei stanco, affaticato per il turno di lavoro, ma poi quando fai cose simili ti senti come un giocatore che segna il gol partita al novantesimo minuto. Una gioia immensa che ti fa passare ogni fatica. Ecco, io oggi (ieri, ndr) mi sono sentito come se avessi segnato il gol di una finale mondiale».

Fonte: corriereadriatico

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione