pronto-soccorso.
di Giusi Fasano e Carlo Macrì
Era da anni che nessuno faceva caso all’elenco del personale. Finché nella sanità calabrese commissariata (quella che non sa nemmeno quanti debiti ha) non è arrivato il momento di mettere mano anche a quello, per capire esattamente chi fa cosa, dove, con quali mansioni, con quali turni. Ed ecco le sorprese. Una fra le tante: Duemedici per ogni posto letto

Ancora una anomalia, chiamiamola così. E ancora Asp di Reggio Calabria: nel suo territorio provinciale (esclusa la città di Reggio) lavorano 800 medici per 350 posti letto.   La    stessa Asp registra la più alta percentuale di  ospedaliero (cioè il 53%) ad avere il diritto di limitazione o esclusione dai turni di lavoro, perché fisicamente non idoneo o per assistere parenti gravemente malati. 53% significa che, su 1178, lavorano a regime ridotto 652 operatori sanitari vari. nel settore amministrativo della sanità regionale risultano assunti ottanta psicologi. Ci sono settori nei quali si contano più di cento medici quando ne servirebbero meno della metà, altri che hanno più della metà dell’organico esentato dai normali turni di lavoro, infermieri generici che non fanno il suo lavoro. «Una marea e mezzo di imboscati» per dirla con il commissario straordinario Massimo Scura.

«Sotto gli occhi posizioni vergognose»
«Abbiamo un elenco di problemi infiniti e in mezzo agli altri c’è anche quello di stanare gli scansafatiche, sì» conferma Francesco Politanò, dell’attivissima segretaria provinciale (Reggio Calabria) della Uil-Federazione poteri locali. «Abbiamo sotto gli occhi posizioni vergognose e ci accusano pure di essere contro i lavoratori… Ma lo sa che c’è un procedimento penale in corso perché cinque medici si dividono quasi 500 mila euro extra lavoro dichiarando turni che richiederebbero giornate di 48 ore? Lo sa che nell’ufficio vaccinazioni abbiamo otto medici e quattro infermieri?»

«Aggressioni all’ordine del giorno»
Quegli otto medici sono parte di un gruppo di 138, tutti al lavoro nel Dipartimento di prevenzione provinciale di Reggio.«Abbiamo portato mazzi di denunce alle procure su irregolarità nei concorsi, negli appalti, nelle strutture» se la prende il suo collega e segretario provinciale Nuccio Azzarà, destinatario di minacce e buste con proiettili. «Ma sa qual è il vero problema? Che nonostante l’antimafia e i commissariamenti i posti chiave della sanità calabrese sono sempre in mano agli stessi da trent’anni, i dirigenti sono investiti at divinis. Perché davanti a risultati disastrosi nessuno viene mai rimosso?». ma Alfredo Iorno, segretario generale della Funzione Pubblica calabrese per la Cgil, dice che «è sbagliato parlare di imboscati e generalizzare. Si rischia di essere ingiusti e mettere nel mirino gente che lavora», e ricorda che «le aggressioni agli operatori sanitari sono all’ordine del giorno».
Nelle altre province, invece, la quota scende al 25-30%.
Quasi mille posizioni da regolarizzare
A fronte di tutto questo risultano da regolarizzare in tutta la regione le posizioni di 900 dipendenti della sanità che lavorano da anni con contratti a termine. «Io so soltanto che in tutta la Calabria gli infermieri, fra il pubblico e il privato, 15 mila e ne servirebbero altri 750 per rispettare la normativa sugli orari di lavoro» dice Fausto Sposato, docente di infermieristica e presidente regionale dell’ordine degli infermieri. «Nella provincia di Cosenza, che è la più vasta d’Italia, la situazione è drammatica». Drammatica. Non soltanto perché mancano infermieri, giura Alessandra Cozza, dell’Associazione «Sanità è vita», «ma perché nell’alto Cosentino, chiusi tutti gli ospedali, quello calabrese più vicino è a 55 chilometri e abbiamo casi di persone morte di ictus o infarto per la troppa distanza. Il Consiglio di Stato ci ha dato ragione per riaprire Praia ma nonostante la sentenza nessuno fa un passo. E i calabresi vanno a curarsi o a far nascere i loro bambini in Basilicata».
I costi della migrazione dei pazienti
Ecco un altro problema: la migrazione dei pazienti, una realtà che alle casse regionali è costata 300 milioni di euro nel solo 2015. La riassume bene il presidente della Regione, Mario Oliverio: «Il più grande ospedale della Calabria è fuori dalla Calabria» dice, puntando il dito sulla gestione commissariale che «ha lavorato come un corpo a sé stante» e ricordando che «siamo ultimi nella famosa Griglia Lea», quella che misura i livelli essenziali di assistenza (ferma al 2014). Ultimi: con 137 punti quando il minimo sarebbe 160. Ultimi (soprattutto nella provincia di Cosenza) anche nella prevenzione, con screening oncologici a quota 2 quando la sufficienza per il livello essenziale di assistenza è 9. E ultimi nei tempi di attesa per le visite specialistiche con una media che va oltre i dodici mesi. E nonostante quest’affresco non c’è un solo dirigente del Dipartimento per la tutela della salute che nel 2015 non abbia incassato il 100% del premio di risultato.
Le procure
Le segnalazioni alle procure per irregolarità di ogni genere si moltiplicano ma, per dirla con il procuratore capo di Vibo Valentia Mario Spagnuolo «Le nostre indagini sono fatte tutte senza la collaborazione o, peggio, contro la volontà della parte offesa. E intanto, per citare un dettaglio, non c’è un solo controllo dei vigili del fuoco in una struttura sanitaria che non abbia trovato criticità sul fronte della sicurezza e della prevenzione». Criticità. La parola più citata nei discorsi, la più scritta nelle relazioni sulla sanità in Calabria.
Fonte www.corriere.it

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione