alfio stiro Il presidente del Collegio di Bari accusa il dg della Asl, Vito Montanaro, di avere privato due dirigenti sanitari Infermieri del proprio ruolo, emanando una disposizione di servizio in cui dichiara che i due “non sono titolari di atti autonomi”. “E’ indegno e irresponsabile privare due dirigenti delle funzioni e responsabilità che la legge gli attribuisce”, denuncia Saverio Andreula.

16 FEB – Mentre i direttori generale di ultima nomina delle Asl pugliesi “si ‘adoperano’ per dotarsi di Dirigenti infermieri a cui conferire la responsabilità gestionale di competenza”, il DG di Bari Vito Montanaro “esclude dai processi produttivi della ASL BA due dirigenti attribuendo le loro funzioni e responsabilità ad altre figure professionali. Ci chiediamo: E’ una scelta politica finalizzata ad attività clientelari (trasferimenti, premi di produttività ecc, come si legge sui media), o tale comportamento deriva dall’ignoranza di conoscenza del ruolo dei dirigenti Infermieri da parte del DG Montanaro?”. A denunciarlo, in una nota inviata alle istituzioni regionali, primo destinatario il presidente della Giunta Michele Emiliano, è il presidente del Collegio Ipasvi di Bari, Saverio Andreula.

Andreula spiega infatti come, con la nomina di Montanaro, i dirigenti infermieristici siano “stati privati di fatto e nella sostanza del proprio ruolo”. Montanaro, spiega Andreula, “ha emanate disposizione di servizio in cui dichiara che i Dirigenti Infermieristici D’Addabbo e Germini, non sono titolari di atti autonomi, e pertanto non posso dare disposizioni di alcun genere se non avallati dai direttori di presidio o di distretto”. Per il presidente del Collegio Ipasvi “è indegno e irresponsabile, soprattutto alla luce delle ultime disposizioni di legge in tema di responsabilità dei dirigenti delle pubbliche amministrazioni, privare due dirigenti delle funzioni e responsabilità che la legge gli attribuisce!”. E, incalza Andreula, “lo ‘spettacolo’, spesso ripreso dai media e letto su una serie di disposizioni di servizio attuati da alcuni Dirigenti medici, cui oggi si assiste nella gestione allegra immotivata ed irresponsabile del personale infermieristico e di supporto ci risulta intollerabile!”.

Il Collegio Ipasvi parla di “demansionamento”, ma anche di “mobbing attuato disinvoltamente in danno” ai due dirigenti infermieristi, in quanto “viene impedito” loro “di svolgere in autonomia e responsabilità le proprie attività” e “a tutt’’oggi senza responsabilità di funzione di struttura, e con i fondi contrattuali relativi agli incarichi professionali totalmente azzerati”.

Andreula chiede dunque “gli opportuni provvedimenti di competenza” e di “fornire” al D.G. Vito Montanaro “dettagli applicativi della legge nazionale e regionale in tema di direzione dei servizi infermieristici per evitare che Egli continui imperterrito a violarle sistematicamente”.

Altri articoli in Lavoro e Professioni
immagine_1 Formazione specialistica. “Bene Dl scuola. Urgente sbloccare scuole di specializzazione per garantire diritto allo studio ed evitare gravi ricadute per il Ssn”. Intervista a Novelli (Crui)
immagine_2 Decreto scuola. Tenuta (Anaao): “Critiche ingiustificate. Assicurato diritto alla formazione”
immagine_3 Campania. Si sblocca il concorso farmacie, nominata la nuova commissione esaminatrice
immagine_4 Appropriatezza. Lo strappo Snami: “Macché apertura. Lorenzin tolga il decreto o si dimetta”. E poi su incontro giovedì: “Solo un teatrino. Noi fuori dall’Intersindacale”
immagine_5 Appropriatezza. Lala (Omceo Roma): “Recepita necessità di modifiche e di confronto con la categoria”
immagine_6 Appropriatezza e “tesoretto”. Per l’Aim siamo sulla buona strada .
Il presidente del Collegio di Bari accusa il dg della Asl, Vito Montanaro, di avere privato due dirigenti sanitari Infermieri del proprio ruolo, emanando una disposizione di servizio in cui dichiara che i due “non sono titolari di atti autonomi”. “E’ indegno e irresponsabile privare due dirigenti delle funzioni e responsabilità che la legge gli attribuisce”, denuncia Saverio Andreula.

16 FEB – Mentre i direttori generale di ultima nomina delle Asl pugliesi “si ‘adoperano’ per dotarsi di Dirigenti infermieri a cui conferire la responsabilità gestionale di competenza”, il DG di Bari Vito Montanaro “esclude dai processi produttivi della ASL BA due dirigenti attribuendo le loro funzioni e responsabilità ad altre figure professionali. Ci chiediamo: E’ una scelta politica finalizzata ad attività clientelari (trasferimenti, premi di produttività ecc, come si legge sui media), o tale comportamento deriva dall’ignoranza di conoscenza del ruolo dei dirigenti Infermieri da parte del DG Montanaro?”. A denunciarlo, in una nota inviata alle istituzioni regionali, primo destinatario il presidente della Giunta Michele Emiliano, è il presidente del Collegio Ipasvi di Bari, Saverio Andreula.

Andreula spiega infatti come, con la nomina di Montanaro, i dirigenti infermieristici siano “stati privati di fatto e nella sostanza del proprio ruolo”. Montanaro, spiega Andreula, “ha emanate disposizione di servizio in cui dichiara che i Dirigenti Infermieristici D’Addabbo e Germini, non sono titolari di atti autonomi, e pertanto non posso dare disposizioni di alcun genere se non avallati dai direttori di presidio o di distretto”. Per il presidente del Collegio Ipasvi “è indegno e irresponsabile, soprattutto alla luce delle ultime disposizioni di legge in tema di responsabilità dei dirigenti delle pubbliche amministrazioni, privare due dirigenti delle funzioni e responsabilità che la legge gli attribuisce!”. E, incalza Andreula, “lo ‘spettacolo’, spesso ripreso dai media e letto su una serie di disposizioni di servizio attuati da alcuni Dirigenti medici, cui oggi si assiste nella gestione allegra immotivata ed irresponsabile del personale infermieristico e di supporto ci risulta intollerabile!”.

Il Collegio Ipasvi parla di “demansionamento”, ma anche di “mobbing attuato disinvoltamente in danno” ai due dirigenti infermieristi, in quanto “viene impedito” loro “di svolgere in autonomia e responsabilità le proprie attività” e “a tutt’’oggi senza responsabilità di funzione di struttura, e con i fondi contrattuali relativi agli incarichi professionali totalmente azzerati”.

Andreula chiede dunque “gli opportuni provvedimenti di competenza” e di “fornire” al D.G. Vito Montanaro “dettagli applicativi della legge nazionale e regionale in tema di direzione dei servizi infermieristici per evitare che Egli continui imperterrito a violarle sistematicamente”.
Quotidiano.it

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione