adiProf. Mauro Di Fresco:
Gentile Direttore Nurse24, ha la piena solidarietà dell’A.A.D.I. e non tema nessuna ritorsione o riprensione perché Le garantisco che l’A.A.D.I. è più referenziata del collegio ipasvi del Sig. Lebiu (visto che si ostina a chiamarmi semplicemente Di Fresco) anche perché di alcuni collegi ne potremmo anche fare a meno.
Altri collegi, come quello di Ascoli, si autoreferenziano perché i membri sono preparati, leali, poco sofisticati e altezzosi; affrontano la realtà e non la mistificano.
Se il Sig. Lebiu vuole un giornale di regime, se lo faccia e lasci stare chi non ha paura di alzare la testa.


Le risorse non gli mancano, potrebbe tranquillamente delirare nelle sue pagine private.
Ha il coraggio di dire a noi che siamo autoreferenziati, invece loro che con l’art. 49 del regio decreto ipasvi si sono messi la dignità degli infermieri sotto i piedi, cosa sono? Pensano che chi viene sfruttato per colpa dell’art. 49 pensi a loro come dei salvatori? Come si sono permessi di stilare un codice deontologico senza coinvolgere le rappresentanze degli infermieri e i sindacati?
Non pensavano ai danni che l’art. 49 avrebbe causato sul posto di lavoro?
Pensate a chi stiamo in mano.
Si sono arrogati dei poteri che nessuno gli ha dato. Stanno creando problemi ai colleghi e ai sindacati seri che tentano invano di tamponare uno sfruttamento che l’ipasvi giustifica con un codice nemico oltre che anacronistico.
Se non avesse il timbro ipasvi, giurerei che fosse opera dell’associazione dei direttori generali ospedalieri e dei magnati delle case di cura.
Le cause di cui si vanta non sono farina del suo sacco. Conosco molto bene le infermiere che hanno perorato le cause in Sardegna e una buona parte del contenuto dei loro ricorsi proviene dalle mie slide pubblicate su internet; inoltre gli avvocati sono stati pagati dalle infermiere e non dall’ipasvi.
Per quanto mi riguarda anche se l’ipasvi avesse patrocinato in proprio mille cause, non sarei soddisfatto visto che nel 2015 assistiamo ancora a situazioni da terzo mondo e questo non può che avere un motivo: il passivo menefreghismo dell’ipasvi degli ultimi 40 anni.
Nel 2015 avremmo dovuto parlare del demansionamento come storia della medicina, collocandolo nei musei, invece è un fenomeno attuale che sta dilagando sempre più.
Voglio ricordare che quando nel 1994 fui sospeso per non aver portato una tazza di tè ad un paziente, non solo il Dott. Gennaro Rocco, presidente del collegio di Roma, non mosse un dito per difendermi, ma riuscì a sostenere la nomina del presidente dell’associazione caposala della regione Lazio, Dott. Alberto Prezzolini, all’interno della Commissione di indagine ospedaliera che dopo una farsa, decise di sospendermi.
I documenti parlano chiaro e parlarono ancora meglio quando il T.A.R. Lazio annullò tutto.
Le lettere firmate dall’avv. Salvatore Carruba sulla carta intestata dell’Ipasvi di Roma e dell’avv. Nicola Ferraro della federazione ipasvi, tutte a sostegno delle mie legittime lamentele, sono rimaste carta straccia, anzi, dopo quelle lettere agli avvocati fu tolto il mandato di rispondere autonomamente alle lettere.
Se queste verità vogliono essere celate, continuino a farlo dalle loro riviste (che stampano con i nostri soldi) ma non possono chiudere la bocca alla libertà dell’informazione.
Noi, continueremo a urlare e il futuro ci darà ragione.

Repliche.

http://www.aadi.it/wp-content/uploads/2015/08/Ma-quanto—-delicato-il-dott.-Lebiu.pdf

fonte

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione