Succede che in un reparto di neonatologia un bambino di pochi giorni sta per morire. I medici non capiscono cosa abbia causato quella crisi, dato che era fondamentalmente sano fino a poco prima, ma lo capisce un’infermiera che non può prescrivere,ma solo somministrare farmaci, insiste affinché sia somministrata al piccolo una medicina contro l’effetto della morfina. Il bambino si salva per un pelo. Incredibile bravura della professionista, oppure…? Nell’Italia del facile sospetto e della malasanità, a volte un colpo di genio può far credere a un terribile sospetto, ovvero che l’infermiera abbia capito cosa avesse il bambino perché lei stessa aveva dato al neonato della morfina per sedarlo!

Criminale o semplicemente preparata.

La donna, Federica Vecchini, 43 anni e da venti in forze all’ospedale di Verona, si difende strenuamente da queste terribili accuse e dichiara di aver avuto quel “colpo di genio “solo perché è stata in grado di capire i sintomi prima degli altri. Come a dire, la bravura è talmente rara da essere scambiata per un crimine! Certamente la donna ha lavorato sempre bene, è stimata da colleghi, da medici e pazienti, mai una macchia sul suo curriculum e anzi … essendo mamma di tre bambini… un vantaggio che le consente di lavorare tra i neonati con estrema sensibilità. Difficile davvero credere che sia “impazzita” e abbia messo a rischio la vita di un bambino per capriccio. Ma questo, e altro, verrà chiarito dalle indagini interne ed esterne che si stanno svolgendo in questi giorni.

In ogni caso resta uno scandalo

In entrambe le ipotesi c’è da rimanere sconcertati. Se le indagini verificheranno che l’infermiera aveva sedato il bimbo con pesanti dosi di morfina, proprio perché tanto brava, si dovrà capire cosa l’ha portata a fare un errore tanto gigantesco. O altrimenti, se invece fosse del tutto innocente e avesse solo intuito -prima e meglio dei medici- una sintomatologia complessa, sarebbe scandaloso comunque che la bravura di una persona sia bollata come sospetta solo perché, effettivamente, molto rara in un panorama come quello italiano dove ormai l’ignoranza domina in troppi campi, lavorativi e non.

Alfio Stiro

Fonte Stilopolis

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione