disabilita-psichica C’è un nuovo triste capitolo per una vicenda di lesione dei diritti di un giovane con disabilità, che avevamo denunciato qualche mese fa nel nostro giornale.


Tutto parte dall’Istituto Galileo Ferraris di Ragusa, frequentato da un sedicenne affetto da una grave malformazione congenita della colonna vertebrale e del midollo spinale, quale la spina bifida, a causa della quale ha già dovuto subire ben nove interventi chirurgici. Il ragazzo non è autonomo, è deambulante in carrozzina e ha la necessità di effettuare il cateterismo vescicale intermittente per cinque volte al giorno, di cui una durante la ricreazione dell’orario scolastico.
A sottolineare come non ne siano finora stati rispettati i diritti, «sanciti e tutelati dalla Costituzione Italiana, dalla Legge 104/92, dalla Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo e dalla Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità», era stata la FINCOPP, ovvero la Federazione Italiana Incontinenti e Disfunzioni del Pavimento Pelvico aderente alla FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap). In una nota prodotta infatti dalla Federazione presieduta da Francesco Diomede, si rilevava la necessità, da parte del giovane, di disporre a scuola di un infermiere competente, per effettuare durante la ricreazione il cateterismo vescicale intermittente, come più volte richiesto all’Azienda Sanitaria Provinciale di Ragusa, secondo la quale si potrebbe invece procedere a operazioni quali il “cateterismo a sacca” (o “a dimora”) oppure l’“autocateterismo”, la prima delle quali potrebbe avrebbe letteralmente effetti devastanti sulla persona – come si può leggere anche nel breve approfondimento in calce – mentre la seconda, nelle condizioni fisiche di un giovane privo di stabilità ed equilibrio, sarebbe impossibile da eseguirsi. Il tutto testato da fior di specialisti, chiamati a produrre relazioni e consulenze».
In un “balletto”, quindi, di ricorsi e sentenze, alla fine il Tribunale di Ragusa aveva deciso di confermare una sua precedente Ordinanza, che aveva previsto il “cateterismo a sacca” durante l’orario scolastico, «in netto contrasto – secondo la FINCOPP – con la logica e la coerenza».

Si arriva dunque proprio a oggi, 3 maggio, quando è in corso un nuovo “round”, con l’Azienda Sanitaria Provinciale di Ragusa costituitasi ancora una volta in giudizio, di fronte al ricorso predisposto da Antonio Santagati, legale che tutela la famiglia del giovane, per proporre anche in questo caso la citata e nociva metodica del “cateterismo a sacca”, mai praticata, tra l’altro dalla famiglia del giovane.
Mentre quest’ultima, quindi, si riserva di rivolgersi alla Procura della Repubblica contro i responsabili dell’Azienda Sanitaria ragusana e mentre la FINCOPP ribadisce che «la Giustizia non si ferma a Ragusa e che non intendiamo assolutamente abbandonare il giovane e i suoi familiari, che sono determinati a tutelare un diritto legittimo del proprio figlio sino in Cassazione o alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, chiedendo anche l’intervento del Capo dello Stato, in qualità di Presidente del Consiglio Superiore della Magistratura», l’auspicio è naturalmente quello espresso dall’avvocato Santagati, in vista dell’udienza di oggi, ovvero che «il nuovo magistrato sappia correttamente e coerentemente applicare la normativa in esame, per concedere al giovane studente quel diritto che la normativa nazionale costituzionale e internazionale gli assegna, ponendo fine ad eventuali successivi strascichi giudiziari.

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione