sirna-asp-ct “Se l’Asp di Messina è l’Azienda pilota del territorio perché utilizza la graduatoria del Centro Neurolesi per ingaggiare Operatori Socio-Sanitari? Manca un elenco proprio che possa usufruire dei 138 dipendenti già formati dal 2005 al 2008 e mai riqualificati. Il manager Sirna deve mobilitarsi non con procedure d’urgenza ma attraverso concorsi definitivi o circolari regionali, in grado di offrire lavoro all’organico di appartenenza”. Questo è il sollecito del segretario territoriale della Federazione Sindacati Indipendenti Messina, Giovanni Micali, nei riguardi dell’Asp peloritana che, dallo scorso gennaio, ha incaricato nuovi Oss attingendo da risorse dell’Irccs con l’assenso della Regione per insufficienza di personale

Messina, 23 giugno 2015. “Da 6 mesi, ormai, l’Asp ha tamponato l’urgenza degli Operatori Socio-Sanitari, attingendo alla graduatoria del Centro Neurolesi. Ma esiste un’altra gatta da pelare per incrementare questi livelli occupazionali del settore sanitario: se l’Asp di Messina è l’Azienda pilota del territorio perché utilizza l’elenco di un’altra Amministrazione (nello specifico, l’Irccs), pur avendo avuto la possibilità di riqualificare ben 138 dipendenti (tra ausiliari ed Ota) che hanno svolto corsi dal 2005 al 2008?”. Questo è il vivace sollecito del segretario territoriale della Federazione Sindacati Indipendenti Messina, Giovanni Micali, che pungola il manager Gaetano Sirna a sistemare l’organico di appartenenza in virtù di una preparazione pregressa e riconosciuta, poi bloccata dalla riforma Brunetta (D.l. 150 art. 24).

“Il direttore generale dell’Asp – dichiara Micali – deve mobilitarsi non con procedure cosiddette d’urgenza seguendo norme regionali che consentono di offrire incarichi temporanei a personale qualificato di altre Aziende. Ma deve intervenire attraverso l’espletamento di concorsi pubblici (come recita la riforma Brunetta) o facendosi comunque da portavoce per l’introduzione di nuove circolari regionali. Il Governo siciliano ha messo in moto il meccanismo di fruizione delle risorse umane specializzate come Oss e presenti in altre graduatorie della provincia ma il meccanismo può anche essere spezzato rivisitando le qualifiche di chi è già assunto dall’Asp a tempo indeterminato ed aspetta, da anni, di migliorare la propria carriera”.

“Siamo troppo abituati a vedere, in tutta l’Isola, infermieri demansionati nelle loro attività elettive – palesa il segretario Fsi messinese – che non ci preoccupiamo di potenziare il personale che dovrebbe coadiuvarli a pieno titolo. Ribadiamo che l’Asp ha provveduto a perfezionare oltre un centinaio di dipendenti, a partire da dieci anni fa, nella mansione di operatore socio-sanitario ma si è poi dimenticata o ha indugiato troppo prima di contrattualizzare lo scatto di livello in questa professione, con i relativi vantaggi economici”.

Una volta subentrato l’impedimento di progressione verticale delle unità interne, se non con l’effettuazione dei concorsi pubblici e non oltre il 50% di quelle in servizio, gli apici aziendali avrebbero dovuto trovare una legittima soluzione da prospettare a Palazzo d’Orleans, piuttosto che farsi supplire da disposizioni surrogate, spesso, poco produttive per il nostro contesto lavorativo.
“Sappiamo che il dott. Sirna è disponibile a valutare altre opportunità, come da ultimo incontro la settimana scorsa con i sindacati – riferisce Micali –, per intraprendere nuove selezioni nell’ambito della propria Azienda. Intanto, gli incarichi già affidati dovrebbero essere in scadenza con eventuale orientamento di proroga, anche se l’Amministrazione non si è ancora pronunciata”.

“Infine, vogliamo ricordare gli scandali – afferma il responsabile Fsi – che hanno investito proprio la Sicilia ed anche Messina sul fronte delle scuole o società o presunte tali per la formazione di Oss. Molti di questi impiegati hanno dovuto sopportare di vedere stracciato il loro attestato di qualifica, dopo aver sborsato anche molti soldi per le promesse di reclutamento. Dobbiamo scongiurare sotterfugi e qualifiche facili, sfondando i muri del silenzio e dell’accettazione di chi blocca la burocrazia dei bandi alla Regione e la semplificazione di atti come quello di riqualificare chi è già pronto a ricoprire quel ruolo, con tanto di preparazione convalidata. Interrompiamo il costume del ‘mettere una pezza’ sull’emergenza ed invitiamo l’Asp-Azienda pilota, se ne ha il potere, di costruire graduatorie idonee alla crescita dei suoi dipendenti”.

fonte
http://parcodeinebrodi.blogspot.it/2015/06/asp-messina-perche-utilizzare-la.html

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione