osteopatia 26 GIU – Gentile direttore, a differenza del sig. Mandara, direttore di alcune scuole autoreferenziali per aspiranti osteopati e presidente di alcune associazioni private, ritengo che il DDL omnibus del ministro Lorenzin rappresenti in realtà l’opportunità per regolamentare seriamente la nuova professione sanitaria di Osteopata. Un’occasione da non perdere. Esprimo tale considerazione in qualità di Direttore del solo Istituto italiano autorizzato all’insegnamento dell’osteopatia da parte del M.I.U.R., nonché Provider nazionale ECM autorizzato all’aggiornamento sanitario, finalizzato alle valutazioni di efficacia della medicina non convenzionale. Inoltre, sono personalmente membro del Comitato esecutivo dell’unica associazione italiana di osteopati la cui operatività risulti tracciabile da un punto di vista fiscale e deontologico (cfr. www.associazioneosteopati.it).

Proprio in virtù delle responsabilità acquisite nell’insegnamento della materia, sottoposto per primo a controlli ufficiali, non posso che ritenere del tutto compatibile l’inserimento dell’osteopatia tra le professioni sanitarie, nei tempi e nei modi proposti dal Governo. E non condivido affatto la definizione del ruolo alternativo e nello stesso tempo complementare della disciplina (!), essendo la funzione dell’osteopatia tutt’altro che alternativa alla medicina, bensì interdisciplinare e ad essa profondamente integrata.

Evidentemente, in Italia esistono due osteopatie: da un lato quella alternativa che vuole rimanere nella torre d’avorio per timore di affrontare il confronto con la Sanità e quindi con la società civile; dall’altro, quella che vuole esprimersi esclusivamente nel contesto sanitario, sottoponendosi senza timore alle regole e ai principi delle altre professioni, ovvero perseguire l’obiettivo non più rinviabile di tutelare la salute dei cittadini. Appare ovvio che lo Stato non possa che riconoscere quest’ultima come unica prospettiva plausibile per dotare il nostro Paese di una nuova categoria di professionisti funzionali alla Sanità e alla cittadinanza. E senza dubbio, prima è meglio è.

L’osteopatia di oggi presenta peculiarità del tutto compatibili con i moderni metodi di cura e prevenzione. Essa può rappresentare una risorsa oggettiva come dimostrato dalle regolamentazioni negli altri Paesi occidentali, dai rapporti dell’O.M.S., dalle analisi statistiche e dalle ricerche effettuate e in fase di elaborazione. Ed è proprio la sua regolamentazione in qualità di professione autonoma nel sistema sanitario nazionale che potrà avvalorarne le caratteristiche e preservarne i principi fondamentali, anziché, come qualcuno paventa, risultarne snaturata.

Al contrario, il protrarsi dell’attuale vuoto normativo espone l’osteopatia alle più disparate interpretazioni, così come l’assoluta autoreferenzialità della maggior parte dei corsi in questa materia minaccia il sostanziale svilimento della categoria, mette a rischio i pazienti e deprime le professionalità e le potenzialità di questa apprezzata medicina tradizionale.

Con i presidenti dell’Associazione professionale degli Osteopati e del Registro degli Osteopati d’Italia abbiamo lavorato insieme, di concerto col Ministero della Salute, presso l’Ente Nazionale di Normazione (UNI Milano) per scrivere tali principi nella norma europea CEN per l’osteopatia: principi documentati e condivisi da tutte le rappresentanze degli Stati europei.

Non stupiscono le reazioni contrarie e le motivazioni a queste sottese, comuni ma minoritarie anche nei Paesi che prima del nostro hanno regolamentato l’osteopatia. Ciò che conta è la volontà del Governo e delle principali rappresentanze di motivare al legislatore e a tutte le attuali figure sanitarie l’importanza dell’integrazione sanitaria e pedagogica dell’osteopatia, a beneficio degli utenti e come proficuo stimolo interprofessionale.

Luigi Ciullo – osteopata
Direttore e legale rappresentante I.E.M.O.
Comitato esecutivo dell’Associazione Professionale degli Osteopati

fonte Quotidianosanita.it


The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione