violenti-scontri-in-francia-tra-manifestanti-contro-il-job-act-e-forze-dell-ordine_692129 ci sono state manifestazioni di studenti e sindacati e scontri con la polizia

Martedì 5 aprile, in diverse parti della Francia, ci sono state delle manifestazioni degli studenti delle scuole superiori per protestare contro una nuova legge del lavoro la cui discussione è cominciata martedì in una commissione parlamentare, e che verrà discussa all’Assemblea nazionale a partire dal 3 maggio. Secondo il governo, la legge permettendo ai datori di lavoro una maggiore facilità nei licenziamenti aiuterà la crescita economica, ma è fortemente criticata dai sindacati e dalle organizzazioni studentesche.

A Parigi ci sono state manifestazioni in place de la Nation e in place de la Bastille, alle quali secondo la prefettura hanno partecipato circa 3500 persone. Ci sono stati degli scontri con la polizia, che hanno portato a 177 fermi, 130 solo a Parigi. Nella giornata di martedì si sono riuniti degli studenti per protestare anche a Marsiglia, Grenoble, Tolosa e Strasburgo.
Prima delle proteste di oggi c’era stata una grande manifestazione – non solo degli studenti – in diverse città francesi giovedì 31 marzo, alla quale avevano partecipato un numero di persone compreso tra le 390mila – secondo le autorità – e il milione e duecentomila, secondo i sindacati organizzatori. C’erano stati un centinaio di arresti e tredici agenti di polizia feriti negli scontri.
FRANCE-POLITICS-LABOUR-PROTEST
Gli arresti di martedì sono avvenuti dopo che alcuni manifestanti hanno tirato degli oggetti contro la polizia, che a sua volta ha tirato dei gas lacrimogeni contro gli studenti. Martedì 34 licei in tutta la Francia sono stati occupati dagli studenti: lo scorso 31 maggio era successo invece in 170 licei, su un totale nazionale di 2500. I sindacati avevano anche organizzato uno sciopero generale, che ha coinvolto i trasporti ferroviari, quelli aerei, la pubblica amministrazione e la stampa. Aveva chiuso anche la Tour Eiffel, per uno sciopero dei suoi dipendenti. In tutto questo, un poliziotto è stato arrestato dopo la diffusione su internet di un video che lo mostra colpire con un forte pugno un manifestante mentre era bloccato da altri poliziotti. Il video è stato girato durante la manifestazione del 31 marzo, e ha fatto molto discutere negli ultimi giorni.

Cosa dice la riforma
La riforma contro la quale stanno protestando gli studenti e i lavoratori francesi è una proposta dell’attuale ministro del Lavoro francese Myriam El Khomri, ed era stata presentata lo scorso febbraio. Dopo molte proteste dei sindacati e successivi negoziati con il governo francese, lo scorso 14 marzo il primo ministro Manuel Valls aveva annunciato alcune modifiche. Una delle critiche principali alla riforma fatte dai sindacati è che avrebbe portato a un aumento delle ore di lavoro. In realtà la legge non prevede l’aumento dell’orario di lavoro settimanale oltre le 35 ore, ma cambia la retribuzione delle ore di straordinario, abbassandola al 10 per cento in più di quella ordinaria (attualmente è più alta del 25 per cento nelle prime otto ore di straordinario, dopo del 50 per cento). Di fatto, dicono i sindacati, se gli straordinari non saranno più sconvenienti per i datori di lavoro ce ne saranno molto di più e quindi l’orario di lavoro settimanale aumenterà con ridotti benefici per i lavoratori. La legge vuole anche rendere più facile per i datori di lavoro aumentare il numero massimo settimanale di ore di lavoro dei dipendenti e degli apprendisti, compresi gli straordinari.
Una delle norme più contestate della prima versione della legge era stata poi quella che cambiava le compensazioni riconosciute ai lavoratori licenziati ingiustamente: non sarebbe stata più decisa da un giudice ma stabilita in modo automatico in base all’anzianità di carriera. Questo punto è stato eliminato dalla legge dopo le modifiche presentate il 14 marzo. Tra le altre cose, la legge prevede anche cambiamenti nella retribuzione delle ore passate a casa dai lavoratori i cui lavori prevedono periodi di reperibilità (ma in cui stanno a casa), e soprattutto aumenta le motivazioni per le quali un’azienda può licenziare un dipendente per ragioni economiche.

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione