“Visti i numerosi commenti sia su questa pagina che su altre pagine in merito alla presenza di un esponente della CEI sul tavolo del Codice Deontologico preme precisare quanto segue:


Il lavoro sul codice deontologico consiste nell’analizzare ed integrare tutte le proposte giunte dalla consultazione pubblica, tra cui Ordini ed Associazioni, ed è questo il focus principale del lavoro;
Gli esperti esterni del post di ieri, tra cui magistrati, giuristi ed eticisti laici, non sono gli estensori del codice ma portano il loro punto di vista peculiare;
Nei prossimi giorni ci saranno altre incontri con altri esperti di altre estrazioni culturali e disciplinari;
Preme infine ricordare che la finalità precipua del Codice Deontologico è il diretto contatto tra la professione e la società tutta con tutte le sue diversità.
Grazie a tutti per aver alimentato e continuare ad alimentare ulteriori spunti di discussione con l’indicazione di mantenere sempre un comportamento costruttivo, sereno, di senso e dialogante”.

FNOPI

The following two tabs change content below.
alfio stiro
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Alfio Stiro

Post N4.0

Intervista al giurista Luca Benci, a seguito di una sentenza della Cassazione Se la somministrazione [continua]

Non si smentiscono mai. Invece di accettare che l’infermiere non debba essere demansionato perché è [continua]

Sentenza della I sez. lavoro del Tribunale di Roma contro la Fondazione Gemelli: riconosciuto il dem [continua]

“Il demansionamento degli Infermieri è un’ignominia, è una gravissima lesione alla dignità, alla mor [continua]