Circola un documento del laboratorio che annuncia lo stop ai referti. Razza: «Abbiamo chiesto sostegno alla Protezione civile»
Allarme al Policlinico di Catania:

CATANIA – Una notizia di una gravità inaudita che rischia di fare aumentare i contagi negli ospedali. Una notizia del genere mette soprattutto a rischio il personale che lavora nei reparti di pronto soccorso e degli altri settori dedicati Covid e complica anche l’individuazione dei positivi da distinguere dai pazienti negativi che dovendo restare in reparto il tempo dei tamponi potrebbero contagiarsi. Vogliamo comunque sperare che gli altri laboratori abilitati dall’assessorato alla Salute abbiano avviato i controlli anche se da indiscrezioni ancora oggi nemmeno il Cannizzaro e il San Marco, i cui laboratori sono stati abilitati, avrebbero iniziato l’esame dei tamponi.

Ieri il laboratorio centralizzato dell’azienda Policlinico ha inviato una comunicazione agli ospedali per metterli al corrente che «a seguito della mancata fornitura di reagenti per la diagnosi di Covid i campioni pervenuti a questo laboratorio verranno conservati a temperatura controllata e processati appena possibile. I campioni sono comunque a vostra disposizione per l’eventuale ritiro qualora indicato con comunicazione ufficiale».
Ciò cosa vuol dire? Che in attesa dei reagenti il dato dei positivi a Catania potrebbe essere falsato. Ma quello che è più grave è che i medici dei reparti sensibili si ritroveranno in pronto soccorso i casi sospetti per i quali il dilemma sarà quello di tenerli in reparto, addirittura chissà quanti giorni, oppure fare una anamnesi e disporre sbagliando il trasferimento nei reparti di malattie infettive di soggetti che hanno solo una febbricola.Insomma una situazione difficile da gestire che mette a rischio anche i medici che se infettati potrebbero a loro volta contagiare i pazienti che visitano. Inoltre a questo punto non sappiamo se lo stop ai tamponi falsa anche i dati divulgati dalla Protezione civile regionale che indica a Catania rispetto a ieri 350 casi, con 127 ricoverati, 16 guariti e 21 deceduti. Il 27 marzo i casi erano 344, con 129 ricoverati, 13 guariti e 18 deceduti. Insomma un dato in positivo che lascerebbe ben sperare. Ma a questo punto quanti sono i tamponi conservati in attesa di esame? E quanti sospetti in attesa sono stati mandati a casa?La risposta a questo colpo di scena arriva in serata da una diretta facebook dell’assessore regionale Ruggero Razza. L’assessore spiega che presto «un tema sul quale ci si dovrà raffrontare è quello dei reagenti perché molti di questi vengono prodotti da società straniere che oggi sono impegnate a gestire i propri mercati nazionali. Abbiamo chiesto alla Protezione civile di aiutarci mettendo in campo tutti gli sforzi indispensabili per aumentare i reagenti in maniera tale che i 20 laboratori che oggi possono esaminare i tamponi vengano messi nelle condizioni di procedere celermente».Questa la spiegazione della Regione. E dire che tutti sostengono che al sud bisogna evitare che il contagio si allarghi… Nessuno forse in passato ha pensato bene di premunirsi in numero adeguato di questi kit, una carenza che oggi rischiano di aggravare una situazione che solo per fortuna non è ancora allarmante.

Redazione NurseNews. Eu

Fonte

Live Sicilia

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione