Le motivazioni dell’assoluzione di Daniela Poggiali: non fu dose di potassio a uccidere la paziente
Daniela Poggiali prima della sua scarcerazione
I tempi della morte della paziente non sono compatibili con la somministrazione di una dose letale di potassio: l’avrebbe uccisa molto più rapidamente. La causa del decesso può essere inquadrata in un “verosimile scompenso glicemico”.

Sono alcune argomentazioni – riportate oggi dall’Ansa – con cui la Corte d’Assise d’Appello ha motivato assoluzione e scarcerazione di Daniela Poggiali, 44enne ex infermiera dell’ospedale di Lugo condannata in un primo tempo all’ergastolo per l’omicidio della paziente 78enne Rosa Calderoni, morta l’8 aprile del 2014 a poche ore dal ricovero.

Nelle 70 pagine il giudice che ha scritto la sentenza assolutoria ha di fatto accettato i risultati della perizia disposta in appello sulla base dei motivi portati dal nuovo difensore dell’imputata, Valgimigli. Per quanto riguarda le statistiche sui decessi di cui fu pure sospettata la Poggiali, il giudice riporta una relazione Ausl, sempre riportata dall’Ansa: “Nei primi tre mesi del 2012, 2013 e 2014 non emersero significative differenze in termini di mortalità fra un reparto e l’altro”.

Nelle motivazioni sono state fortemente criticate anche quelle che sono state bollate come “indagini fai da te del personale ospedaliero” e “improvvide indagini domestiche”. Sulla Poggiali si leggono descrizioni non lusinghiere: “era certamente una persona per certi versi disturbata, capace di condotte riprovevoli, e di mentire, ma nel contempo scaltra e pronta”. Ma in ogni caso tutto ciò non basta evidentemente a trasformarla in un’assassina.

Da ultimo, l’Ansa riporta che è stato vagliato il metodo utilizzato dal professor Tagliaro, consulente dell’accusa, per determinare la concentrazione di potassio dall’umor vitreo della paziente prelevato dai bulbi oculari a 56 ore dal decesso: un metodo per il quale “non esiste consenso adeguato all’interno della comunità scientifica”. Anzi, “un metodo sconosciuto alla medicina forense, che non risulta essere mai stato utilizzato in altro processo”. Alla luce di tutto ciò, secondo la Corte bolognese per la Poggiali “non solo si è in presenza di ragionevoli dubbi, bensì la sua innocenza è di gran lunga l’ipotesi più aderente ai fatti accertati nei due gradi di giudizio”.

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione