«Basta violenza negli ospedali» è la frase apparsa su manifesti e adesivi nella sala d’attesa del Pronto Soccorso dell’ospedale Cannizzaro di Catania, da oggi è partita la campagna promossa dal Codacons contro le aggressioni al personale sanitario.

Nata a seguito dei ripetuti episodi di violenza registrati negli ospedali cittadini, l’iniziativa intende sensibilizzare sia gli utenti, sia chi ha responsabilità istituzionali, verso l’incolumità degli operatori impegnati nella tutela della salute. I primi adesivi con il logo, realizzati per l’occasione, sono stati attaccati simbolicamente nei locali del Pronto Soccorso del Cannizzaro, alla presenza del direttore generale dell’Azienda ospedaliera Angelo Pellicanò, del direttore sanitario Salvatore Giuffrida, del direttore dell’UO di Medicina e Chirurgia d’Accettazione e Urgenza Salvatore Mazza, del coordinatore infermieristico Luigi Musumeci, del segretario nazionale del Codacons Francesco Tanasi, della presidente dell’associazione Volontari Ospedalieri Italiani Dina Castronovo. «Il messaggio – afferma il dott. Pellicanò – è attuale e concreto: in Pronto Soccorso e in generale in ospedale si va per ricevere cure, l’utente deve avere presente che chi sta dall’altra parte non è un avversario ma una persona chiamata, pur tra varie difficoltà, a dare assistenza. Confidiamo che l’iniziativa possa contribuire alla causa comune contro la violenza in ospedale, che non è soltanto fisica ma anche verbale». «Abbiamo avviato questa iniziativa dall’Azienda ospedaliera Cannizzaro, che è stata sensibile alla nostra sollecitazione, e la estenderemo agli altri ospedali. Chiediamo a tutti – dice Tanasi – di essere vicini agli operatori sanitari, perché possano lavorare in sicurezza e con serenità, condizioni essenziali per garantire i migliori servizi agli utenti. È anche vero che i pazienti devono affrontare spesso liste d’attesa estenuanti e per questo – conclude il segretario del Codacons – chiediamo che le Aziende sanitarie siano messe nelle condizioni di poter assumere il personale necessario». Gli adesivi con il logo «Basta violenza negli ospedali» saranno distribuiti nei locali delle altre aziende sanitarie cittadine.

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione