Bari. Comunicato stampa del consigliere regionale Cosimo Borraccino, presidente della II Commissione consiliare affari generali e personale. “Il riconoscimento del titolo di Operatore Socio Sanitario Specializzato alle infermiere volontarie della Croce Rossa Italiana è l’oggetto di una mia richiesta inviata al direttore del Dipartimento ‘Promozione della salute, del benessere sociale e dello sport per tutti’ della Regione Puglia, dott. Ruscitti. Anche in qualità di componente della Commissione consiliare sanità, ho ritenuto intervenire su una questione, già sollevata precedentemente dal collega Ignazio Zullo con un’interrogazione urgente, che può essere spendibile per fini lavorativi.


A tale proposito sussistono dubbi interpretativi determinati anche, purtroppo, dal susseguirsi di norme dal contenuto contraddittorio, che hanno anche generato numerosi contenziosi di natura giurisdizionale dinnanzi al Consiglio di Stato. Occorre dunque un intervento chiarificatore. In particolare l’art. 1737 del decreto legislativo 15 marzo 2010 n. 66 prevede espressamente che il diploma di infermiera volontaria della Croce Rossa sia ‘equivalente all’attestato di qualifica di operatore socio-sanitario specializzato”’, tanto da riconoscere a chi possegga tale qualifica di essere ‘abilitato a prestare servizio di emergenza e assistenza sanitaria con le funzioni e attività proprie della professione infermieristica’.
Quindi il personale che sia in possesso del diploma di infermiera volontaria della Croce Rossa Italiana potrebbe partecipare ai concorsi pubblici richiedenti, quale titolo di ammissione, il conseguimento dell’attestato di Operatore Socio-Sanitario Specializzato. Tale interpretazione sarebbe anche rafforzata dal fatto che i due percorsi formativi (e cioè quello per divenire infermiera volontaria CRI e quello per divenire Operatore Socio Sanitario Specializzato) sono in larga parte sovrapponibili.
A tanto si aggiunge che il monte orario del citato percorso formativo delle infermiere volontarie è pari a 2000 ore, a fronte delle 1300 dell’O.S.S.S. Pertanto non appare sussistere alcun motivo per discriminare le infermiere volontarie della Croce Rossa Italiana nell’accesso ai concorsi pubblici per cui è richiesto il titolo di O.S.S.S.
Ho chiesto quindi se sia opportuno diffondere una specifica direttiva alle ASL e alle strutture private accreditate, al fine di rendere effettiva l’equipollenza tra il titolo di infermiera volontaria della CRI e quello di O.S.S.S., e di consentire ai volontari della CRI l’accesso ai concorsi pubblici per cui sia richiesto, come requisito di accesso, il titolo di O.S.S.S. Penso che con un piccolo apporto si possa dipanare la questione e come Sinistra Italiana ci impegneremo in tal senso”.

QUOTIDIANO.IT

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione