???????????????????

ho letto con un certo stupore la lettera del 2 febbraio scorso del Segretario Territoriale Nursind Ancona dott. Giuseppino Conti. Con stupore perché, lavorando anch’io in Ancona, seppure in altra azienda sanitaria, conosco la situazione e anche la particolare propensione alla ragionevolezza e al dialogo del Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera di Torrette dott. Michele Caporossi.

Evidentemente la cosa gli è sfuggita di mano ed è stata fatta, in maniera indipendente, da altro Dirigente. Non parlo della Coordinatrice in quanto l’avallo del Dirigente, che dovrebbe avere una visione complessiva delle situazioni lavorative, supera la responsabilità della Coordinatrice stessa.

Qui è evidente la mancanza del buon senso: come si può sanzionare una persona che ha lavorato 14 ore nella giornata, che non ha goduto del riposo previsto dalla normativa per il ristoro delle energie-psicofisiche, e che per di più ti avverte con congruo anticipo che non è in grado di riprendere servizio, in modo da permettere altri efficaci provvedimenti organizzativi? Come si può parlare di “assenza ingiustificata” quando le motivazioni dell’assenza sono esplicitate e ragionevolissime?

Ho avuto sempre più spesso, nella mia esperienza lavorativa e sindacale degli ultimi anni, l’impressione che talora il personale, e in modo particolare infermieri ed OSS, siano considerate delle specie di “bestie da soma”, solo da frustare per ottenere il massimo profitto e che ogni loro esigenza personale sia considerato un capriccio infantile da reprimere.

Sembra che in un recente incontro in Ancona alcuni Dirigenti si complimentassero l’un l’altro per i risparmi sul personale che erano riusciti ad attuare.

Dove sono le politiche per il benessere psicofisico del personale che pure la normativa attuale prevede? Dove sono gli asili nido aziendali tante volte promessi a parole e che dovrebbero alleviare il disagio di giovani coppie magari sole in una città lontana dalle proprie origini? Dove sono le politiche e i provvedimenti a tutela della maternità e della donna degni di un paese veramente civile? Dove sono le politiche per i lavoratori anziani in sanità? Pensano forse taluni Dirigenti che a 60 anni si abbiano le stesse energie che a 25 anni?

L’unica cosa che taluni Dirigenti conoscono sono i doveri, non loro, ma dei loro sottoposti, e ciò che viene veramente attuato sono, non le politiche di supporto, ma i provvedimenti repressivi. Medici e infermieri vivono in un continuo stato di emergenza e di allarme, tra reperibilità, guardie e carenza di personale, che non giova alla loro salute psico-fisica e che produce, in taluni casi, comportamenti opportunistici che sono visti come l’ultima spiaggia per la difesa della propria integrità, anche a costo di rinunciare a una parte della dignità professionale.

Per la vicenda in questione offriamo senza alcun tentennamento la solidarietà dell’ANAAO ASSOMED Marche, che ho l’onore di dirigere, agli amici del Nursind, anche con iniziative sindacali concrete che saranno da concordare.

Ma non basta. È chiaro che molte cose vanno cambiate. Un’alleanza strategica tra i sindacati delle principali professioni della sanità, Medici e Infermieri, molto può fare per cambiare questo stato di cose. Propongo due tematiche principali su cui agire:
1. Politiche a supporto della maternità a cominciare dagli asili nido aziendali (probabilmente siamo l’unica regione in Italia che non ne ha nemmeno uno);
2. Politiche per i lavoratori anziani in sanità: ricordo che si definisce “lavoratore che invecchia” quello sopra i 45 anni, e “lavoratore anziano” quello sopra i 55 anni, per cui andrebbero progressivamente ridotti, o perlomeno consentiti solo su base volontaria, i turni notturni e comunque quelli a più alto impegno psico-fisico.

Spero che tutte le componenti sindacali della Dirigenza Medica e Sanitaria e del Comparto facciano fronte comune per affrontare queste importanti tematiche.
Con i miei più cordiali saluti a Lei e ai Suoi lettori.

Dott. Oriano Mercante
Segretario Regionale Marche ANAAO ASSOMED

Da Quotidiano sanita.it

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione