“La mancata inclusione dei soli precari della Asl di Latina non solo violerebbe il principio costituzionale dell’eguaglianza, creando un’ingiusta ed illegittima disparità di trattamento con i precari in possesso di identici requisiti che prestano la loro attività presso le altre Asl del Lazio per cui è stata ammessa la stabilizzazione, ma si porrebbe anche in contrasto con una sentenza della Corte di giustizia europea del 2014, con la quale l’Italia è stata condannata per l’improprio e sistematico ricorso di contratti a tempo determinato da parte di tutta la pubblica amministrazione.

La mancata stabilizzazione del personale medico ed infermieristico inferisce l’ennesimo colpo alla sanità pontina, ormai sull’orlo del collasso. Ogni giorno i quotidiani locali denunciano il sistematico depotenziamento delle strutture, la carenza di personale, la disorganizzazione nei servizi, le restrizioni nelle prestazioni, le strumentazioni inadeguate ed obsolete, la chiusura di reparti e i tagli costanti di tutti i presidi ospedalieri del basso Lazio”.

Con queste parole la senatrice pontina Ivana Simeoni, prima firmataria di un’interrogazione rivolta al ministro della Salute Beatrice Lorenzin ed al ministro per semplificazione e la pubblica amministrazione Marianna Madìa, chiede che venga fatta chiarezza sulla stabilizzazione dei precari nella Asl di Latina che sono rimasti esclusi.

Dal canto suo, torna ad intervenire sulla questione anche l’Ordine dei medici, che oggi ha riunito il Consiglio Direttivo. “All’unanimità – ha fatto sapere il presidente Giovanni Maria Righetti – c’è stata la volontà di tutelare nelle forme più opportune il decoro e a dignità di tutti i medici precari della Asl di Latina, il cui contratto è stato prorogato di anno in anno con l’aspettativa di essere stabilizzati e che ora, seppure in possesso dei requisiti di legge, si trovano improvvisamente senza più alcuna certezza del mantenimento del posto di lavoro.
E’ dunque intenzione dell’Ordine chiedere l’accesso a tutti gli atti della Asl di Latina ed in breve tempo indire un incontro con tutti gli interessati per trattare questa grave problematica alla presenza di esperti giuslavoristi ed amministrativisti, per valutare approfonditamente gli aspetti giuridici della situazione e considerare le opportune azioni. L’opportunità di una eventuale denuncia alla Procura della Repubblica sarà valutata al termine di questo percorso che sarà quanto più rapido possibile”.
Fonte

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione