cassazione
Appena pubblicata la Sentenza della Cassazione secondo cui i dipendenti pubblici devono essere licenziati se non timbrano il cartellino.

Omissione timbro cartellino è falsa attestazione di presenza: legittimo il licenziamento

Il dipendente pubblico che attesta falsamente di essere in servizio attraverso l’omissione del timbro del cartellino è punito con il #licenziamento per giusta causa. La medesima sanzione si applica anche se il dipendente omette di timbrare il cartellino per assentarsi solo per brevi intervalli: anche in tali casi il cartellino va sempre timbrato, in entrata ed in uscita.

Motivazioni della sentenza della Corte di Cassazione
La Corte di cassazione precisa che non può essere invocata l’applicazione di una disciplina contrattuale collettiva più favorevole per il lavoratore, in quanto l’allontanamento dal posto di lavoro e il successivo rientro in servizio in assenza di timbratura deve essere sanzionato con il licenziamento (sentenza n. 24574?2016).

La Cassazione sottolinea che nel lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione le norme dei contratti collettivi non costituiscono la fonte esclusiva da cui poter ricavare le condotte disciplinarmente rilevanti, in quanto esse devono integrarsi con quelle previste dall’articolo 55 quater del decreto legislativo n. 165/2001. La Corte precisa, a tal proposito, che la suddetta norma ha introdotto specifiche fattispecie legali di licenziamento per giusta causa e giustificato motivo soggettivo, che sono da ritenersi aggiuntive a quelle previste dai contratti collettivi. In questo contesto normativo, aggiunge la Corte, le clausole dei contratti collettivi che risultano essere difformi sono sostituite con le disposizioni del decreto legislativo n. 165/2001.

Il caso sul quale la Cassazione si è pronunciata, si riferisce a quello di un dipendente dell’agenzia delle Entrate, licenziato per essersi allontanato dal posto di lavoro durante il proprio turno in due giornate, omettendo di effettuare la timbratura e, quindi, rendendosi responsabile di “falsa attestazione della presenza in servizio”. Anche in primo e in secondo grado di giudizio il licenziamento è stato ritenuto legittimo, a nulla rilevando le giustificazioni del dipendente secondo cui l’assenza sarebbe dipesa dalla necessità di assumere farmaci in presenza di una crisi ipoglicemica. La Corte di Cassazione ha confermato la sentenza in appello, ribadendo che la condotta di cui si è reso responsabile il lavoratore integra gli estremi della falsa attestazione di presenza attuata con modalità fraudolente, la cui sanzione risiede, alla luce dell’articolo 55 quater del Dlgs 165/2001, nel licenziamento per giusta causa.

A conforto di questa conclusione, la Cassazione ha richiamato l’articolo 3, comma 1 del summenzionato decreto legislativo, in base al quale “costituisce falsa attestazione della presenza in servizio qualunque modalità fraudolenta posta in essere…per far risultare il dipendente in servizio o trarre in inganno l’amministrazione…”.

Fonte

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione