police

Il drammatico racconto dell’uomo: “Ho pensato a una fuga di gas. Ma aveva una bomba legata al petto”

Una serata come tante, per un infermiere parigino, si è trasformata venerdì scorso in un’esperienza tragica.

David, quarantaseienne francese, si trovava al Comptoir Voltaire, uno dei luoghi presi di mira dai commando di terroristi in azione a Parigi.

È Hervè Deguine, ex giornalista e residente nel quartiere di boulevard Voltaire a raccontare la sua storia Venerdì sera, per David, era una serata come tante altre – spiega all’Ansa -. Si era diretto al caffè Comptoir Voltaire, ma non immaginava che di lì a poco si sarebbe trovato nel mezzo di un attacco terroristico.

Intorno alle 21.40 un uomo, – prosegue Deguine – vestito in modo normale, entra al caffè Comptoir Voltaire, si dirige verso i tavolini della “terrasse” e aspetta di ordinare. Ad accoglierlo una cameriera, Catherine. Ma quello che vuole l’uomo, che di lì a qualche ora verrà identificato dalla polizia francese come Brahim Abdeslam, non è un pasto caldo né un cocktail.

L’uomo apre il giaccone, aziona un ordigno e si fa esplodere. Due le bombe che aveva legate al corpo, una sulla schiena e una sulla stomaco. Ma qualcosa, per l’attentatore, va storto: soltanto una si aziona e lui è l’unico a perdere la vita.

L’infermiere, che non aveva assistito alla scena e che, a causa dei lavori in corso alle tubature della zona aveva pensato ad una fuga di gas, istintivamente tenta di soccorrere l’uomo. Lo sdraia a terra e con l’aiuto di un’altra persona gli strappa i vestiti per praticargli un massaggio cardiaco. Ma l’immagine che gli si presenta davanti è inattesa: fili elettrici “arancioni, rossi e neri” collegati alla bomba rimasta inesplosa.

L’infermiere – continua Deguine – per evitare di aumentare il panico tra i clienti, non dice nulla e fa uscire tutti dal caffè. Dopo aver dato l’allarme ai pompieri, che intanto arrivano sul posto, i soccorritori chiudono l’area nel timore che l’ordigno possa ancora esplodere. È in quel momento – conclude Deguine – che David ha capito che Parigi era sotto attacco

fonte

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione