asp messina Secondo Marco Restuccia, alla guida dell’azienda ospedaliera Gaetano Martino, alcune nomine fatte dai suoi predecessori tra il 2004 e il 2007 «hanno profili di illegalità da rimuovere urgentemente». Si tratta di tecnici di laboratorio biomedico o dirigenti biologici

Personale assunto dall’Università di Messina con determinate mansioni, transitato al Policlinico e divenuto dirigente medico senza concorso e senza titolo. Almeno secondo il direttore generale dell’azienda ospedaliera Gaetano Martino, Marco Restuccia, che, lo scorso giugno, ha annullato ben sei promozioni relative ad altrettanti provvedimenti adottati dai suoi predecessori: due nel dicembre 2004, tre nel gennaio 2006 e uno nel marzo successivo.

Cinque le delibere adottate dal manager, capaci di dichiarare la nullità dell’equiparazione ospedaliera a dirigente medico dei sei dipendenti, uno dei quali si è opposto davanti al giudice del lavoro. Oggi, 18 settembre, la discussione del ricorso il cui esito potrebbe condizionare, in un modo o nell’altro, il monitoraggio ad ampio spettro che Restuccia ha deciso di portare avanti.
A vedersi riassegnare al precedente profilo, e al conseguente trattamento economico, sono tecnici di laboratorio biomedico o dirigenti biologici – già inquadrati dall’ateneo nell’area tecnica, tecnico scientifica ed elaborazione dati come assistenti e funzionari tecnici – che a un certo punto si sono visti riconoscere la qualifica di dirigente medico. Secondo il direttore generale, tuttavia, non avrebbero «partecipato ad alcuna procedura concorsuale per dirigente medico». Inoltre, «non esisteva al momento dell’adozione dell’atto», così come alla data dell’annullamento, «alcuna norma che rendesse possibile l’equiparazione a un profilo diverso da quello di assunzione».

Nelle motivazioni delle delibere dello scorso giugno, si legge ancora che «essendo rimasto invariato l’inquadramento universitario, nessuna novità poteva intervenire per quanto concerne l’equiparazione ospedaliera, nemmeno sulla base del presupposto di variazione delle mansioni». Infatti, il personale «deve essere adibito alle mansioni per le quali è stato assunto o alle mansioni considerate equivalenti nell’ambito della classificazione professionale prevista dai contratti collettivi, ovvero a quelle corrispondenti alla qualifica superiore che abbia successivamente acquisito per effetto di procedure concorsuali o selettive».
Pertanto, è vero che alcuni dei dirigenti restituiti alle precedenti mansioni pare siano in possesso della laurea in medicina e chirurgia. È anche vero che, sempre secondo la normativa impugnata dal manager, «lo svolgimento delle funzioni assistenziali mediche è consentito solo agli appartenenti al profilo di collaboratore e di funzionario tecnico socio – sanitario in servizio al 31 ottobre 1992 e in possesso, alla stessa data, della laurea». Fattispecie nella quale gli ormai ex dirigenti non rientrerebbero.
Tutto questo configurerebbe profili di «illegalità» da rimuovere urgentemente, secondo Restuccia: «Viene autorizzato a svolgere attività di dirigente medico – rileva in ogni delibera – un soggetto che non ha mai superato un concorso per tale profilo, con le inevitabili responsabilità medicolegali che ricadono sullo stesso e sull’azienda». Vengono inoltre corrisposti «gli emolumenti propri del profilo di dirigente medico in assenza dei presupposti normativi».

fonte

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione