luca sini Da Quotidiano Sanita:18 SET – Gentile direttore,
le scrivo in riferimento all’articolo del dottor Fabio Stanga. Apprezzando in parte la sua analisi, le citazioni legislative e del Codice Deontologico dell’Infermiere (in particolare il suo soffermarsi sull’Art. 1 e sulla parte relativa al Patto col cittadino) riscontro però una singolare assenza di valutazione circa il fenomeno del demansionamento, richiamato invece più volte e in diversi articoli e lettere a lei indirizzate, anche da personaggi esterni al mondo dell’inferieristica ma interessati alle sue problematiche e al dibatito interno.

Cito in questo senso ad esempio la Dott.sa Marcella Gostinelli; la dott.sa Francesca Bufalini; la dott.sa Chiara D’Angelo; il dott. Ivan Verzilli; il dott. Ivan Cavicchi (in numerose prese di posizione), notoriamente esterno alla nostra professione e le assicuro che potrei ripercorrere decine e decine di interventi di infermieri e non che denunciano come causa della mancata applicazione di quella legislazione citata dal Dottor Stanga, una certa politica (o non politica) da parte della federazione IPASVI, distintasi a partire da D.L. 739/94 e soprattutto all’emancipazione a professione sanitaria con la Legge 46/2006.

Vuole forse riferirsi, il collega Stanga, quando provocatoriamente afferma che “dovremmo smettere di sventolare la patente e iniziare a guidare l’auto” soprattutto a quella parte di dottori in infermieristica che costituiscono il nostro corpo dirigenziale all’interno delle aziende pubbliche e private? Quando essi, davanti ad un altro articolo del codice deontologico (il famigerato art. 49) coniugano la necessità di dispiegare la risorsa infermieristica in modo da risolvere direttamente, unità per unità, il bisogno di igiene al posto di quelle figure di supporto che l’azienda risparmia pagando uno e comprando due? (un infermiere può fare quello che fa un OSS e non viceversa).

E le famose vecchie sette funzioni dell’infermiere, parte fondante di quella figura istituita col profilo professionale, che fine hanno fatto nel computo di risorsa aziendale? E che ci stanno a fare allora i Dirigenti aziendali Infermieristici se non a garantire, nel quadro di gestione generale delle risorse aziendali, quello spazio di autonomia tanto agognato?

Perché se è vero che gli infermieri italiani hanno una certa tendenza ad “ingobbirsi” davanti ai poteri forti, dispiace dover rilevare che questi poteri forti sono fantasmi che animano la proria casa! Un giovane laureato che si trovasse per il rotto della cuffia a lavorare finalmente in una azienda pubblica assunto per 4 mesi attraverso agenzia interinale, con i tempi che corrono, davanti ai dictat di dirigenti e coordinatori infemieristici che gli impongono di passare “di padella in padella” forse…tende ad “ingobbirsi” non tanto per vile senso servilistico ma per uno squisito senso pragmatico! Ed ho citato il caso più sfortunato tra i fortunati.

Ma ci sono anche i vecchi infermieri, quelli che non avrebbero mai abdicato a quell’idea di “professionista di alto profilo, una figura di prestigio, in grado di esprimere professionalità e competenza” (per citare il Dott. Stanga) che si sono ingobbiti a suon di brucianti delusioni, perpetrate proprio da quella “parte nobile” del nostro corpo professionale. Sfoderare la spada quando si è a cavallo è fin troppo facile. Inviterei chi insiste a dare responsabilità dei propri mali agli Infermieri italiani, da anni colonne stabili di questo vacillante SSN, a scendere nella mischia, venire a “respirare l’asbesto” nelle corsie degli ospedali!

Luca Sinibaldi
Infermiere di Medicina Generale

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione