infermiere-responsabile-come-il-medico-372x248Si fa sempre un gran parlare della responsabilità dei medici negli ospedali. Ma quale posizione, in tutto questo, spetta agli infermieri?


L’infermiere, nell’esercizio della sua attività, può arrecare danni sia ai pazienti e talvolta, di riflesso, anche al proprio datore di lavoro.
Tale scontata affermazione è confermata anche dalla cronaca giudiziaria che ci propone periodicamente casi di operatori sanitari coinvolti in cause per danni arrecati a pazienti derivanti dall’errata somministrazione di farmaci, dall’errato posizionamento su lettino operatorio, dall’errato funzionamento delle apparecchiature per l’inoculazione dell’anestetico, dalla dimenticanza di corpi estranei nell’organismo nel corso di intervento chirurgico, da errori di trascrizione della terapia dalla cartella clinica alla cartella infermieristica o infine, dall’errata valutazione della gravità del caso nell’esercizio della funzione di triage di pronto soccorso.

Secondo diverse sentenza della Cassazione [1], anche gli gli infermieri, hanno , delle responsabilità per “colpa medica”. La Corte ha riconosciuto loro una propria autonomia di controllo sulle condizioni del paziente. In altre parole, essi devono verificare la compatibilità del quadro clinico del malato con le cure prescritte dai medici. Ciò significa, tenere sotto controllo l’andamento della convalescenza, il decorso postoperatorio e intervenire prontamente in caso di emergenza.

È quella che, in gergo giuridico, viene definita “posizione di garanzia” e che impone al soggetto “garante” un controllo costante nei confronti di chi, invece, non è in grado di badare a se stesso in una determinata circostanza.

Secondo la Suprema Corte, tra i compiti dell’infermiere vi è quello di controllare il decorso della convalescenza del paziente ricoverato in reparto in modo da poter porre le condizioni, in caso di dubbio, di un tempestivo intervento del medico.

Non si può quindi giustificare l’eventuale errore dell’infermiere sostenendo che questi sia sprovvisto di autonomia decisionale e di valutazione, a differenza del medico; al contrario, l’infermiere, anche solo in caso di dubbio ragionevole, ha il dovere di chiamare l’attenzione tempestiva del medico di turno, cui affidare la valutazione clinica,

Abrogato il c.d. Mansionario e venuta meno la distinzione tra professioni sanitarie principali e ausiliarie, la responsabilità di cui oggi l’infermiere deve farsi carico è sicuramente più completa e più complessa rispetto al passato.

Invero, il maggior grado di competenza richiesta e il riconoscimento di una notevole autonomia decisionale nella scelta della tipologia di intervento assistenziale da adottare nel singolo caso concreto rendono l’infermiere direttamente responsabile dell’assistenza generale infermieristica.

Alla luce dei recenti interventi normativi in materia di personale sanitario non medico, pertanto, l’infermiere non può addurre a sua discolpa, come accadeva in precedenza, la necessaria competenza medica nella scelta del trattamento terapeutico, sostenendo di essere il semplice esecutore di quanto disposto dal medico.

Somministrazione e dosaggio di medicinali

L’attività di somministrazione di farmaci deve essere eseguita dall’infermiere non in modo meccanico, ma in modo collaborativo con il medico. In caso di dubbio sul dosaggio prescritto l’infermiere si deve attivare non per sindacare l’efficacia terapeutica del farmaco, bensì per richiamare l’attenzione e richiedere la rinnovazione in forma scritta della prescrizione da parte del medico. Non compete invece alla caposala il controllo tra la corrispondenza del farmaco prescritto e quello in concreto somministrato, in quanto tale attività è demandata specificamente all’infermiera professionale [2].

Incombe sulla caposala l’obbligo di controllare la scadenza, non solo al momento in cui i medicinali vengono forniti al reparto, bensì periodicamente e di certo al momento in cui sono somministrati al paziente [3].

fonte

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione