1. nursind Per cercare di rendere comprensibile qual è l’attuale situazione dell’infermiere in Sicilia oggi credo sia indispensabile ricorrere ad un passo dello straordinario capolavoro di Primo Levi “Se questo è un uomo”: “……un paese può definirsi democratico laddove il ricco è meno ricco ed il povero è meno povero. A me sembra che qui in Italia, a chi ha sarà dato, a chi non ha a quello sarà tolto”.

Ed è quello che vive ed accetta passivamente l’infermiere siciliano.

Nonostante il sit-in organizzato lo scorso 30 giugno da Nursind Sicilia davanti l’Assessorato Regionale alla Salute per protestare e scongiurare che la bozza di rideterminazione del personale sanitario diventasse documento operativo, non prima ovviamente di aver dichiarato lo stato di agitazione regionale lo scorso 4 giugno, qualche giorno fa la VI Commissione Sanità dell’Assemblea Regionale Siciliana ha “promosso” quella proposta indecente a “Carta Costituzionale” per i Direttori Generali delle ASP e Policlinici Universitario dell’Isola.

Ti aspetti una rivoluzione epocale da parte delle OO.SS. tutte, firmatarie e non di contratto.

Ed invece?

Il silenzio piu’assoluto.

Non solo.

Il piu’ grande “attentato” alla sanità siciliana di tutti i tempi viene invece mistificato dalla pantomima dello sblocco dei concorsi che l’indecente documento approvato ha determinato come conseguenza della futura presentazione delle piante organiche.

E li tutti a condividere sui social network, la notizia dello sblocco dei concorsi.

Quasi una corsa contro il tempo a chi effettua piu’ condivisioni di una notizia tanto farlocca quanto deleteria, sia in termini di contenuto che soprattutto di reale applicazione.

Ma come: era stato dichiarato, denunciato, sbandierato ai quattro venti da OO.SS. ed I.P.A.S.V.I. Sicilia che i coefficienti applicati nel rapporto tra infermieri/posti letto era talmente basso da generare inevitabilmente un esubero del personale attualmente in servizio per poi improvvisamente iniziare quella che appare come una sorta di “corsa all’oro” in questa farsa dei concorsi?

Che è successo nel frattempo?

Una cosa è certa: questo scempio sanitario determinerà un gap assistenziale talmente incolmabile che il rapporto già difficoltoso tra infermiere ed utente diventerà quasi insanabile.

Ed ecco perché faccio mio l’appello della Presidente della Federazione Nazionale I.P.A.S.V.I. Barbara Mangiacavalli a far si che la minaccia di scendere in piazza contro ogni forma d’abuso contro la Professione Infermieristica parta propria dalla Sicilia.

Perché prima o dopo questo momento arriverà.

E nessuno, sottolineo, nessuno si senta esente da colpe.

Gli assenti hanno sempre torto: peggio ancora se silenziosi.

Perché in quel caso si tratta di “omertosa complicità”!

Osvaldo Barba

Coordinatore Regionale Nursind Sicilia
 

fonte

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione