Preso di mira un infermiere che si dirigeva verso la propria autovettura.

Un infermiere dell’Ospedale Policlinico di Catania, al termine del turno, è stato aggredito DA UN branco di cani randagi che in maniera abituale vagabondano fra gli edifici della cittadella universitaria

Non è del resto la prima volta.

Una donna lo scorso dicembre fu aggredita dallo stesso branco, riportò delle ferite di morsi al polpaccio ed alla caviglia.

Nel dettaglio sembrerebbe che l’infermiere in questione sia stato improvvisamente assalito e preso a morsi dal branco mentre in tranquillità, al termine del proprio turno di lavoro, si dirigeva verso la propria auto.

Ad aiutarlo sarebbe stato un Operatore Socio Sanitario. Questo avrebbe messo in fuga i randagi inseguendoli con la propria vettura. La vittima così avrebbe avuto modo di rifugiarsi all’interno del proprio veicolo.

L’infermiere, una volta essersi riparato, i sarebbe subitamente recato al vicino pronto soccorso per le cure del caso. La vittima, giunta al ps con i vestiti stracciati dai morsi, avrebbe riportato fortunatamente solo alcune ferite superficiali e non poco spavento.

Secondo alcune fonti parrebbe inoltre che i cani si sarebbero presentati nella stessa serata presso la scivola del pronto soccorso ostetrico dove avrebbero iniziato ad assaltare la gente presente.
Vogliamo ben sperare che una situazione tale non si verifichi più. Abbiamo già visto diverse aggressioni che fino ad ora sono finite nel migliore dei modi, ma domani chissà, l’esito potrebbe essere ben diverso.

“Siamo attoniti, innanzi a questo nuovo episodio, la cui responsabilità va in capo a quanti fino ad ora, nonostante le ripetute proteste e sollecitazioni della Fials come anche di altre organizzazioni sindacali”, il Segretario Provinciale Fials Catania, Agata Consoli, ed il Coordinatore del Direttivo Aziendale Fials del Policlinico, Giuseppe D’Angelo in merito all’accaduto.

“Non hanno provveduto alla risoluzione del problema rappresentato dalla presenza di questi cani”, affermano.

“Un rischio costante ed elevatissimo, una spada di Damocle sulla testa di chiunque”, esprimono con rammarico.

“Dall’utenza ai lavoratori, – continuano – si sposti per i viali del Policlinico, innanzi al quale non siamo stati e non staremo in silenzio”.

“Si è sfiorata la tragedia, e non si può lasciare al caso l’incolumità delle persone che si trovano in un ospedale. Siamo vicinissimi e solidali all’infermiere aggredito, – conlcudono – vittima di un esecrabile immobilismo che lascia increduli e che denunciamo con forza”.

The following two tabs change content below.
alfio stiro
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

FP CGIL CISL FP UIL FPL hanno ottenuto una fondamentale vittoria.

👉 CGIL CISL UIL sfondano in Toscana. Ai professionisti della sanità un riconoscimento straordinario 🏅. 🏥 Anche in Puglia la Regione ...

Continua a leggere

Equiparare dei professionisti della salute, quali sono gli infermieri del SSN, alla mafia è da folli.

Equiparare dei professionisti della salute, quali sono gli infermieri del SSN, alla mafia è da folli.

Pertanto chiediamo alla federazione degli ordini degli infermieri di intervenire prontamente, con formale querela e relativa richiesta di un cospicuo ...

Continua a leggere

COVID 19,la proposta di Matteo Salvini:Nessuna responsabilità per il datore di lavoro se i sanitari lavorano senza DPI

Al Senato la proposta di Salvini: Nessuna responsabilità per le aziende ospedaliere che non hanno fornito i dispositivi individuali di protezione. Primo ...

Continua a leggere

Operatori Sanitari e Assicurazioni.La CISL FP e Il suo coordinamento professioni sanitarie tutela i suoi iscritti.

La Legge Gelli-Bianco 24/2017 ha ribadito l’obbligo dell’assicurazione per la Responsabilità Civile Professionale Medica estendendo questo obbligo a tutti gli ...

Continua a leggere

Covid 19:viaggia nell'aria fino a 2 mt e si trasmette con il respiro.

Il Covid 19 si muove e nell'aria con il respiro. Il virus SarsCov2 è stato riscontrato in campioni d'aria raccolti ...

Continua a leggere

Covid 19:Test sierologici ancora non affidabili

La posizione dell'associazione microbiologi clinici (Amcli), che in un documento lancia l'allarme I TEST sierologici, in grado di individuare se c'è ...

Continua a leggere

MEDICI E INFERMIERI APPLAUDONO GLI ADDETTI ALLE PULIZIE.

Non potremmo mai essere grati abbastanza a medici, infermieri e personale ausiliario specializzato di supporto ai reparti per il loro ...

Continua a leggere

Coronavirus:Mascherina chirurgica e FFP2, prestazioni a confronto e letteratura scientifica.

Quali sono i DPI adeguati a proteggere in maniera efficace l’Operatore Sanitario? Basta la mascherina chirurgica, o invece è necessario ...

Continua a leggere

Covid 19:il ruolo che gioca la vitamina D nella prevenzione delle polmoniti virali.

Uno studio dell'Università di Torino evidenzia il ruolo attivo del Calcitriolo nella prevenzione e nella migliore risposta a virus che ...

Continua a leggere

Coronavirus. Petriccioli (Cisl Fp), nostri colleghi testimonianza del valore dei servizi pubblici. Controllo su DPI e tamponi in tutta Italia

La Cisl Funzione Pubblica sostiene la campagna nazionale #IoRestoAcasa per combattere la diffusione del coronavirus. Lo fa tramite la pubblicazione, ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione