medicine concept. the doctor measures pressure in the patient

Il Tribunale di Palermo ha sancito la responsabilità della Asl in ossequio al principio della “vicinanza della prova”

Quando la cartella clinica del paziente è incompleta, la prova delle lesioni e del nesso di causalità con la condotta del sanitario può essere data anche per presunzioni.

Con sentenza numero 63612/2017 del 5 luglio scorso, il Tribunale di Palermo ha fatto leva sul principio della “vicinanza della prova” per sancire la responsabilità di un’azienda sanitaria per i danni subiti da un neonato che aveva patito un’asfissia prenatale che non era stata riscontrata dai sanitari e dalla quale gli erano derivati, quindi, encefalopatia, epilessia e paralisi.

Cartella incompleta
La cartella clinica, peraltro, era stata redatta con approssimazione e si componeva di informazioni scarse che non consentivano l’acquisizione di elementi specifici con i quali documentare delle pregresse alterazioni o anomalie della partoriente, dei difetti genetici del feto o delle cause naturali del danno cerebrale.

La prova del danno
Tale circostanza, per il Tribunale, è stata ritenuta utile ai fini della prova del nesso causale tra l’omissione del sanitario e il danno, posto che tale prova può dirsi raggiunta se non vi è la certezza che il neonato abbia subito il danno cerebrale per cause naturali o genetiche e, “appaia più probabile che non che un tempestivo o diverso intervento da parte del medico avrebbe evitato il danno”. Se così non fosse, la superficialità nella tenuta della cartella clinica rischierebbe di pregiudicare ulteriormente il paziente.

Il risarcimento
Raggiunta in tal modo, nel caso di specie, la prova del nesso causale, era quindi onere della struttura sanitaria quello di dimostrare l’esatta esecuzione della prestazione alla quale era tenuta. La consistenza della cartella clinica, però, non ha aiutato in tal senso.

La Asl. convenuta, in particolare, non è riuscita a provare né il regolare adempimento della prestazione sanitaria, né la corretta vigilanza, né lo svolgimento degli opportuni e doverosi controlli medici sulla madre.

Ora dovrà quindi risarcire il danno arrecato al bambino per un importo di oltre 1.915.000 euro, corrispondere al piccolo una rendita vitalizia di circa 1.300 euro mensili e risarcire ciascun genitore per 300 mila euro.

Alfio Stiro

Studiocataldi .it

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione