medicine concept. the doctor measures pressure in the patient

Il Tribunale di Palermo ha sancito la responsabilità della Asl in ossequio al principio della “vicinanza della prova”

Quando la cartella clinica del paziente è incompleta, la prova delle lesioni e del nesso di causalità con la condotta del sanitario può essere data anche per presunzioni.

Con sentenza numero 63612/2017 del 5 luglio scorso, il Tribunale di Palermo ha fatto leva sul principio della “vicinanza della prova” per sancire la responsabilità di un’azienda sanitaria per i danni subiti da un neonato che aveva patito un’asfissia prenatale che non era stata riscontrata dai sanitari e dalla quale gli erano derivati, quindi, encefalopatia, epilessia e paralisi.

Cartella incompleta
La cartella clinica, peraltro, era stata redatta con approssimazione e si componeva di informazioni scarse che non consentivano l’acquisizione di elementi specifici con i quali documentare delle pregresse alterazioni o anomalie della partoriente, dei difetti genetici del feto o delle cause naturali del danno cerebrale.

La prova del danno
Tale circostanza, per il Tribunale, è stata ritenuta utile ai fini della prova del nesso causale tra l’omissione del sanitario e il danno, posto che tale prova può dirsi raggiunta se non vi è la certezza che il neonato abbia subito il danno cerebrale per cause naturali o genetiche e, “appaia più probabile che non che un tempestivo o diverso intervento da parte del medico avrebbe evitato il danno”. Se così non fosse, la superficialità nella tenuta della cartella clinica rischierebbe di pregiudicare ulteriormente il paziente.

Il risarcimento
Raggiunta in tal modo, nel caso di specie, la prova del nesso causale, era quindi onere della struttura sanitaria quello di dimostrare l’esatta esecuzione della prestazione alla quale era tenuta. La consistenza della cartella clinica, però, non ha aiutato in tal senso.

La Asl. convenuta, in particolare, non è riuscita a provare né il regolare adempimento della prestazione sanitaria, né la corretta vigilanza, né lo svolgimento degli opportuni e doverosi controlli medici sulla madre.

Ora dovrà quindi risarcire il danno arrecato al bambino per un importo di oltre 1.915.000 euro, corrispondere al piccolo una rendita vitalizia di circa 1.300 euro mensili e risarcire ciascun genitore per 300 mila euro.

Alfio Stiro

Studiocataldi .it

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

PERSONALE ARMA DEI CARABINIERI / Ampliamento palco lauree per l’accesso al ruolo Marescialli concorso interno (6^ corso 2023)

              Roma, 5 giu 2023 – UNARMA. Il 31 maggio c.a. sulla Gazzetta Ufficiale è stato pubblicato il bando di concorso ...

Continua a leggere

CISL FP CATANIA: FIRMATO PROTOCOLLO CON ARNAS GARIBALDI, VIA ALLE STABILIZZAZIONI DEI PRECARI

            CATANIA - Con la firma del protocollo d'intesa tra Arnas Garibaldi e organizzazioni sindacali, avvenuta questo pomeriggio al termine di ...

Continua a leggere

Legge 104 comma 1, no a trasferimento, ed esonero turni notturni per il Care Giver che assiste un familiare disabile.

          Lo ha stabilito in una sentenza emessa dalla sezione lavoro della Corte di Cassazione che ribalta una prassi consolidata. L’ordinanza (la numero ...

Continua a leggere

Il carico di lavoro e il rischio clinico.

                Nell’ambito del rischio clinico, spesso il carico di lavoro, l’estrema pressione e la composizione dello staff giocano ruoli importanti nella ...

Continua a leggere

Cisl fp Agrigento:Ausiliari riqualificati in Oss. Al via stabilizzazione del personale

            Il coordinatore territoriale della Sanità Pubblica, Alessandro Farruggia Cisl fp, esprime soddisfazione per l’avvio, dopo numerose specifiche richieste del sindacato, ...

Continua a leggere

Catania,Cisl FP: Giornata dell'infermiere, ”inutile senza azioni concrete.

              Cisl FP Catania alza la voce sulla giornata dell'infermiere, che si celebra ogni 12 maggio. Alla celebrazione dei lavoratori della ...

Continua a leggere

Decreto Lavoro, arriva l’ok del governo: ecco cosa prevede.

              Con un decreto approvato dal Consiglio dei ministri che il Governo Meloni ha fortemente  voluto APPROVARE E convocare per il ...

Continua a leggere

Infermiere demansionato in tutta Italia: condannata anche l’ASL di Lecce.

            Il Tribunale di Lecce  sez lavoro con sentenza n. 3462/2022 del 06-12-2022 si è espresso su un contenzioso avviato da ...

Continua a leggere

Cisl Fp, operazione verità sul protocollo di stabilizzazione dei precari della sanità

          Si è tenuta questa mattina all'Arnas Garialdi di Catania, l'assemblea per fare chiarezza sul protocollo per le stabilizzazioni firmato lo ...

Continua a leggere

SSN,La lista d’attesa troppo lunga? C’è il diritto alla visita INTRAMOENIA..

                La lista d’attesa troppo lunga? C’è il diritto alla visita privata. Liste d’attese lunghissime o addirittura bloccate? È possibile visitarsi privatamente pagando ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione