1804860_asl_lecce.jpg.pagespeed.ce.sc5vpBZkbz

Pugno di ferro dell’Asl contro gli assenteisti: licenziati sei operatori sanitari.
Sabato 18 Giugno 2016 10:53
di Maddalena MONGIO’

Sei licenziamenti per assenteismo negli ospedali: l’Asl di Lecce non fa sconti ai fannulloni. Misura drastica, quella decisa dai vertici sanitari, per cinque dipendenti in servizio al pronto soccorso di Scorrano (un infermieri e quattro operatori socio-sanitari) e per uno in forze al Punto di primo intervento di Nardò.


Le sei delibere della direzione generale della Asl sono state pubblicate ieri sul sito istituzionale e la motivazione alla base del licenziamento è uguale in tutti e sei i casi con una lieve differenza nel numero di giorni di assenza ingiustificati che vanno da 10 a 15.

“Assenza ingiustificata dal servizio per dieci giorni, nonché mancato rispetto del regolare orario di servizio, in entrata e in uscita, senza alcuna autorizzazione”. Questa la causa del licenziamento ed è molto probabile che, a questo punto, i sei dipendenti licenziati decidano di fare ricorso al giudice del lavoro, ma intanto c’è – nero su bianco – scritta la parola fine al rapporto di dipendenza con la Asl. C’è solo un passaggio tecnico da rispettare: i sei dipendenti rimarranno in servizio sino a settembre perché sono in servizio da più di dieci anni e il contratto di lavoro prevede un preavviso di quattro mesi.

Per i cinque di Scorrano tutto ha avuto inizio con un esposto approdato lo scorso novembre sui tavoli della direzione generale dell’Asl di Lecce. «Nel pronto soccorso di Scorrano accadono cose strane», veniva precisato nell’esposto con tanto di descrizione di un “gioco” di destrezza nella timbratura del cartellino. Così l’Ufficio procedimenti disciplinari aprì l’iter per accertare i fatti e capire se questo caso rientrasse nella casistica dei furbetti del cartellino. Alla chiusura dell’accertamento l’Ufficio procedimenti disciplinari decise la sanzione del licenziamento e sanzionò anche il direttore del pronto soccorso e il coordinatore infermieristico con una sospensione di tre mesi dal lavoro, per mancata vigilanza. La partita per il direttore del pronto soccorso e per il coordinatore infermieristico è sub judice, quindi al momento sospesa in attesa della sentenza. Licenziato anche un infermiere in servizio al Punto di primo intervento a Nardò: una misura drastica dopo una lunga serie di controlli.

In campo anche i sindacati che condividono la linea dura dell’Asl di Lecce. «Quello che emerge dai provvedimenti in questione – spiega Antonio Tarantino, segretario generale della Uil-Fpl – è che le regole ci sono, c’erano, e quando la Asl ha deciso di farle rispettare lo ha fatto. Al netto delle situazioni personali che hanno portato all’adozione di questi provvedimenti, di cui non conosco gli atti, sono d’accordo a che questi casi siano perseguiti secondo le norme perché il danno di immagine per la Pubblica Amministrazione e per le centinaia di migliaia di colleghi che diligentemente ogni giorno svolgono il loro lavoro, è enorme. Voglio sperare che questi lavoratori siano in grado di dimostrare la loro non colpevolezza circa i fatti contestati. Ce lo auguriamo nel loro interesse e per quello della Pubblica amministrazione. Mi auguro che la Asl usi lo stesso metro di misura per tutti i casi».

Sferzante anche Francesco Perrone, segretario provinciale della Fsi: «Chi sbaglia paga. Bisogna vedere fino in fondo quali sono le accuse, ma è chiaro che anche chi è preposto al controllo deve fare la sua parte perché non è concepibile che il personale possa organizzarsi a suo piacimento. C’è chi lavora più del dovuto e non riesce neppure a fare le ferie e poi c’è chi – stando alla decisione dell’Ufficio procedimenti disciplinari – falsifica la propria presenza in servizio. Se questi lavoratori hanno commesso effettivamente questi reati, come organizzazione sindacale non siamo teneri. Noi difendiamo i lavoratori, non chi non dà il dovuto contributo all’azienda in cui presta servizio»m.Lecco.it

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione