fials2

Fials. Ancora irricevibile la proposta Aran sulle deroghe all’orario di lavoro. Dal 25 novembre scattano le norme legislative ed europee sul riposo ed orario di lavoro.

L’Aran al tavolo negoziale odierno ha comunicato che la proposta su cui ricercare un accordo non e’ la revisione dell’orario di lavoro, ma la proposta ha come “focus” il riposo e quindi ricondurre le norme di deroga per alcuni adempimenti fondamentali quali assicurare attivita’ terapeutica e per eventi eccezionali e non prevedibili.

Questa soluzione – dichiara Giuseppe Carbone – Segretario Generale FIALS – oltre ad essere tardiva rispetto alla scadenza del 25 novembre p.v.,non e’ soddisfacente e di garanzia per la miglior tutela dei lavoratori a salvaguardia del diritto alla salute del paziente.

Occorre investire, dare ossigeno al sistema sanità e stanziare risorse nuove per le assunzioni del personale.

La Fials, come le altre OO.SS. al tavolo negoziale non e’ disponibile a mantenere un tavolo aperto negoziale al di fuori di quello contrattuale, dichiarando anche che non si darà alcuna possibilità ai propri dirigenti a partecipare a tavoli negoziali regionali, o di singola azienda, per definire linee guide di deroga all’orario di lavoro.

Tuttavia, rimane ferma la determinazione di Fials nel voler ricercare soluzioni che non siano di mera facciata, ma comunque rispettose delle regole europee. La Segreteria Nazionale Fials e’ disponibile all’apertura di un tavolo negoziale con l’Aran per definire processi di razionalizzazione e riorganizzazione del lavoro, a garanzia di continuità nell’erogazione dell’offerta sanitaria e di funzionamento delle strutture nel rispetto dei LEA. Naturalmente, va ribadito, il tutto deve essere necessariamente definito con linee di programmazione sanitaria- socio sanitaria rispettose della piena applicazione delle Direttive CEE, la cui attuazione richiede – inderogabilmente – risorse finanziarie nuove che il governo dovrà rendere disponibili con l’emananda legge di stabilita per l’assunzione di nuovo personale ed il ricambio generazionale.

Non ammetteremo atti legislativi unilaterali di deroga ed il 25 novembre segnerà un momento importante per tutti gli operatori con il riconoscimento del diritto pieno al riposo giornaliero di 11 ore consecutive.

In ultimo il Prof. Fedele Ricciato della Confsal ha dichiarato non solo la indisponibilità a deroghe alla norma legislativa, ma non e’ possibile nemmeno mantenere un tavolo aperto negoziale nel momento in cui l’Aran non ha ricevuto alcun mandato pieno a trattare con i sindacati e non accetterà che ad un mancato accordo segua un atto unilaterale legislativo.

L’ Aran, a conclusione della trattativa, ha comunicato che sicuramente non vi sarà alcuna soluzione unilaterale legislativa di deroga, ma farà in modo – sentito il Comitato di Settore – di mantenere il tavolo aperto per definire linee guida per aprire uno scenario sull’ orario di lavoro che poi possano essere elementi di contrattazione integrativa, sia regionale che aziendale.

The following two tabs change content below.
Alfio Alfredo Stiro nasce in Sicilia a Catania il 22/01/1970, consegue la laurea in infermieristica presso la facoltà di Medicina e Chirurgia di Catania e successivamente il Master in Management delle Professioni Sanitarie. Master in osteopatia posturale presso l'universita di Pisa dipartimento di endocrinologia e metabolismo,ortopedia e traumatologia,medicina del lavoro. E scuola di osteopatia belga, Belso.ha frequentato numerosi corsi sull'emergenza, in servizio presso l’U.O. di Pronto soccorso e Ps pediatrico. Azienda Cannizzaro per l'emergenza di catania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
Ultime notizie
NurseNews.eu

Convocazione alla prova d’esame orale per il concorso pubblico di 110 vice ispettori tecnici ruolo sanitari, infermieri della Polizia di Stato.

          OGGETTO: concorso pubblico, per titoli cd esami, per l’assunzione di 110 vice ispettori tecnici del ruolo degli ispettori tecnici della ...

Continua a leggere

Cena di Natale del sindacato FSI-USAE Agrigento-Caltanissetta.

Il sindacato FSI-USAE della provincia di Agrigento ha vissuto un momento di unione e divertimento prima dell'inizio delle festività natalizie ...

Continua a leggere

Ennesimo medico coraggioso e bizzarro ordina per iscritto il giro letto agli Infermieri.

                Dopo la Balanzoni anche un altro medico chirurgo detta regole  agli infermieri, senza nessuna remore e addirittura per iscritto (con ...

Continua a leggere

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

Durante le ferie la retribuzione non può essere inferiore alle giornate di lavoro in presenza

            Con la sentenza n. 20216 del 23.06.2022, la Cassazione dichiara la nullità della clausola del contratto collettivo del Trasporto aereo che ...

Continua a leggere

Martina si laurea e diventa mamma nello stesso giorno: Vi racconto com'è andata

            Mamma e dottoressa nello stesso giorno. I meravigliosi "scherzi" del destino di una vita che sembra aver subìto un'accelerazione improvvisa, ...

Continua a leggere

Ars e Precari Covid, Volo: «I contratti saranno prorogati»

              Il tema è stato tra quelli trattati anche nella seduta della Sesta Commissione. PALERMO. «Daremo una proroga al personale sanitario precario. ...

Continua a leggere

Suona il Campanello del reparto ma non arriva nessuno.

                Ha suonato il campanello del suo compagno di stanza all’ospedale, sabato notte intorno alle 3.30, nel reparto di medicina Interna ...

Continua a leggere

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

l’infermiere che ometta di prendere in carico un paziente poi deceduto in seguito a intervento chirurgico risponde di omicidio colposo.

              E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 21449 del 25 maggio 2022 Più nello specifico, due infermieri venivano imputati di ...

Continua a leggere

L’Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

L'Azienda ospedaliera Cannizzaro stabilizza 31 infermieri.

          L’ azienda Ospedaliera Cannizzaro nella persona del direttore Generale Salvatore Giuffrida prosegue, dopo quella già riconosciuta al personale medico nella ...

Continua a leggere

L’Anaao Assomed condivide con la Balanzoni l’odio verso gli infermieri

                Ritorniamo, nostro malgrado, a parlare di Barbara Balanzoni, non più medico perché radiata, autrice dell’ennesimo commento di basso profilo. Nulla ...

Continua a leggere

Lettera alla redazione